Giovedì, 12 Aprile 2018 10:09

Rendez vous. “I fantasmi d’Ismael” di Arnaud Desplechin. Recensione

Scritto da

A Rendez vous, festival del cinema francese, è stato proiettato di Arnaud Desplechin, uno dei registi più significativi d’oltralpe, “I fantasmi d’Ismael”, lavoro presentato l’anno scorso a Cannes che aveva lasciato freddo il pubblico della Croisette.

Racconta di Ismaël, un regista che sta girando un film ispirato alla figura di suo fratello ed è ancora scioccato per la scomparsa di sua moglie Carlotta, avvenuta vent'anni prima. Ora Ismael si prende cura del padre di lei, un uomo vecchio che non riesce a darsi pace per questa figlia che tutti oramai credono morta. Finalmente Ismael incontra Sylvia e riesce a ricominciare una nuova vita. Un giorno, per caso, Carlotta ritorna e, tra lo sconcerto generale, inizia a vivere nell’appartamento dell’ex marito e la sua nuova compagna perché non sa dove andare. Ovviamente il triangolo non avrà esito felice e Ismael, sull’orlo della follia, fugge lasciando anche le riprese del film …

La prima parte ricorda “La donna che visse due volte” e riesce in qualche modo a intrigare, ma più il lungometraggio procede, più è messa troppa carne al fuoco: l’identità e il suo doppio, il processo creativo, dove si narra la costruzione di un film nel film, l’amore come salvezza dalla follia, con tanti riferimenti ad artisti noti e citazioni dotte. Temi appena abbozzati che non costituiscono un discorso compiuto e non appassionano perché hanno la verbosità del cinema che parla soprattutto di se stesso. 

  • REGIA: Arnaud Desplechin
  • SCENEGGIATURA: Arnaud Desplechin
  • ATTORI: Mathieu AmalricMarion CotillardCharlotte GainsbourgLouis GarrelAlba RohrwacherHippolyte GirardotLaszlo Szabo
  • FOTOGRAFIA: Irina Lubtchansky
  • MONTAGGIO: Laurence Briaud
  • MUSICHE: Grégoire Hetzel
  • PRODUZIONE: Why Not Production
  • USCITA 25 APRILE
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077