Sabato, 29 Settembre 2018 19:31

“Oltre la nebbia, Il Mistero di Rainer Merz”, recensione

Scritto da

Giuseppe Varlotta, noto come regista del Grande Fratello, ha diretto e sceneggiato con Paolo Gonella e Giovanni Casella Piazza, “Oltre la nebbia – Il mistero di Rainer Merz” prodotto da Kabiria Films, thriller con venature esoteriche, con Pippo Delbono, Corinne Cléry, Cosimo Cinieri, Luca Lionello, Frédéric Moulin e Joe Capalbo che arriva nelle sale italiana il 4 ottobre.

Brava Corinne Clery in un ruolo che dal teatro la riporta felicemente al cinema.

 La storia prende l’avvio una settimana prima di Pasqua nell'ex fabbrica di cioccolato Cima Norma di Blenio-Torre : l’ambientazione nell’ordinata svizzera italiana conferisce un’atmosfera di acqua-cheta dalle profondità ambigue. Sono gli ultimi giorni di riprese di un film dedicato all'imperatore Federico II, quando Rainer Merz (Cosimo Cinieri) uno degli attori protagonisti, scompare misteriosamente. Rosa Carlini (Corinne Cléry) costumista e compagna dello scomparso incarica l’investigatore Giovanni Andreasi (Delbono) di indagare sull’accaduto senza coinvolgere la polizia, né rendere pubblica la ricerca. L’investigatore, attraverso una foto riconosce in Merz, pur non avendolo mai incontrato, l’ uomo che anima i suoi incubi legati alla morte di una bambina e ne  è profondamente turbato …     Il film ha una sceneggiatura macchinosa non sempre facile da seguire. Prendendo ispirazione dalla Dea Madre porta il discorso sul ruolo femminile procreatore. Da alcune letture della scuola di medicina di Federico II, dove si sosteneva di riti iniziatici per trovare l’elisir di lunga vita e dalla scomparsa di alcune bambine, Giuseppe Varlotta ha trovato linfa per la costruzione di una trama inquietante e claustrofobica. La narrazione però da l’impressione di un patchwork di situazioni che qualche volta hanno un arduo accostamento e lo spettatore rischia di perdere il filo. 

  • Regia: Giuseppe Varlotta
  • Cast: Pippo Delbono, Corinne Cléry, Cosimo Cinieri, Luca Lionello, Frederic Moulin, Giovanni Capalbo
  • Genere: Thriller, colore
  • Durata: 86 minuti
  • Produzione: Italia, 2017
  • Distribuzione:  P.F.A.
  • Data di uscita: 4 ottobre 2018


   

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Amanti sospesi nel tempo

Sei entrato nella stanza  uno sconosciuto  come io sconosciuta per te. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Damar

(A Stefano. Il ricordo è un piccolo granello che riempie lo spazio dell'assenza)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’Italia e gli italiani nel cinema albanese

Il cinema albanese è stato il protagonista di questa primavera romana appena conclusa. Dopo aver conquistato la vittoria alla decima edizione del Francofilm – il Festival del cinema francofono organizzato...

Romano Milani - avatar Romano Milani

ITC Farma punta sui giovani: coltivare oggi i talenti di domani

La sinergia tra accademia e impresa è un passo necessario per la crescita del Paese

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]