Mercoledì, 14 Novembre 2018 16:21

“Black tide” (Marea nera), un grande thriller sui malesseri tra consanguinei

Scritto da

Tratto da “The Missing File”, best seller dello scrittore israeliano Dror Mishani “Black tide”, il film di Erick Zonca è un dramma cupo, che inquieta e trascina, indagando nei rapporti di una famiglia come tante, dove la madre sembra prodigarsi per la prole, sacrificarsi al punto da intenerire e attrarre il poliziotto che indaga sulla scomparsa del figlio maggiore e adolescente. Il capo della polizia (Vincent Cassel al meglio di se stesso) è alcolista, disperato per l’abbandono della sua donna, trasandato: anche lui ha un figlio adolescente col quale vive una relazione problematica.

Seguendo l’indagine del protagonista ci addentriamo in un labirinto, narrato con chiarezza e oscurità dosate con maestria, dove nulla è come sembra e niente sembra quel che é. Si cercano le ragioni della misteriosa scomparsa di un ragazzino e ci si cala nella vita bislacca di un professore con istinti omosessuali e velleità di scrittore, nella sofferenza di una madre disperata a causa di una bambina down. Il padre, marinaio e sibillino, resta sullo sfondo. Mentre il poliziotto e il professore dello scomparso cercano di dipanare la matassa, a poco a poco la verità si palesa in maniera inaspettata: nascono fondati sospetti, colpi di scena sorprendenti ma assolutamente plausibili, tali da rendere questo film un grande film. C’è da aggiungere che ogni carattere è tracciato con complessità e umanità, ed è questa capacità d’indagine psicologica che lo differenzia e dà al noir uno spessore non comune. Da non mancare.

  • DATA USCITA: 22 novembre 2018
  • GENEREThrillerNoir
  • ANNO2018
  • REGIAErick Zonca
  • ATTORIVincent CasselRomain DurisSandrine KiberlainÉlodie BouchezCharles BerlingChristophe Tek
  • PAESE: Francia, Belgio
  • DURATA: 112 Min
  • DISTRIBUZIONE: Sun Film Group Spa
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]