Martedì, 11 Dicembre 2018 11:16

“Amici come prima”: Boldi e De Sica e il cinepanettone dal retrogusto un po’ amaro

Scritto da

Massimo Boldi e Christian De Sica, per un ventennio coppia blindata della commedia italiana con incassi milionari, si separarono una dozzina di anni fa. Tornano oggi con un film di Medusa dal titolo  Amici come Prima, nel quale De Sica non è solo protagonista ma anche regista e co-sceneggiatore. 

Il film racconta di Cesare, alias ChristianDe Sica, che fa il direttore di un lussuoso hotel milanese, chiamato Realais Colombo dal cognome del padrone ( in realtà è Villa Cernetta di Silvio Berlusconi). La figlia del proprietario della catena di hotel (Regina Orioli ), licenzia Cesare e lui, troppo vecchio per trovare un altro lavoro, accetta per 5000 euro mensili di fare la badante del vecchio signor Colombo (Massimo Boldi), travestendosi e fingendosi donna visto che il magnate vuole solo femmine. Cesare assume così una doppia identità: di notte marito con moglie e figli, di giorno “tata”del Paperone. Le gag e le risate non mancano, in situazioni fonte di sicura ilarità fin dai tempi di “A qualcuno piace caldo”.

Come lo stesso Christian De Sica ha affermato in conferenza stampa, Amici come prima ha una nota di malinconia, fors’anche perché inserisce tratti crudeli della società odierna, perché gli elementi sguaiati dei precedenti film sono appena accennati, perché la storia si fa tragicommedia toccando sofferenze conosciute come la disoccupazione, l’omosessualità, i rapporti familiari pervasi di cinismo. All’anteprima, la stampa rideva davanti a questo cinepanettone con elementi della farsa classica e il retrogusto un po’ amaro.

Amici come Prima (Italia, commedia, 2018) di Christian De Sica; con Massimo Boldi, Christian De Sica, Regina Orioli, Maurizio Casagrande, Francesco Bruni, Lunetta Savino, Paola Caruso, Luis Molteni, Shi Yang, Carlo Ponta - uscita mercoledì 19 dicembre 2018.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]