Sabato, 02 Febbraio 2019 10:00

Arriva “SOFIA” migliore sceneggiatura a Cannes. La recensione di Dazebao

Scritto da

Sofia, primo lungometraggio di Meryem Benm’Barek e ritratto delle classi sociali e dell’ipocrisia che regge i rapporti, è stato presentato nella sezione “Un certain regard” al festival di Cannes, dove ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura. A seguire, altri 18 festival e altri premi 

Sofia

  • Regia: Meryem Benm'Barek
  • Cast: Sara El, Lubna Azabal, Sarah Perles, Faouzi Bensaïdi, Maha Alemi, Hamza Khafif, Nadia Niazi, Mohamed Bousbaa, Mansour Badri, Nadia Benzakour
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 90 minuti
  • Produzione: Francia, 2018
  • Distribuzione: Cineclub Internazionale
  • Data di uscita: 14 marzo 2019

La recensione di Bruna Alasia su DazebaoNews

Cannes 71. “Un certain regard”: “Sofia” o un figlio fuori dal matrimonio in Marocco

Nonostante la fatica e i rischi di un film a basso budget, la regista franco-marocchina Myriam Benm'Barek è riuscita a ricostruire un ritratto credibile di quella che è la società marocchina e dei suoi pregiudizi, opera prima di ottima fattura, ci fa scoprire un mondo poco conosciuto.

La sua narrazione per immagini è fluida e interessante, la sceneggiatura di cui è autrice, a tratti ricorda situazioni pirandelliane dell’Italia di oltre un secolo fa, dove la morale diventava una prigione ed esigeva macchinazioni ipocrite pur di salvare la faccia. Attraverso la storia di Sofia, Meryem Benm'Barek analizza la società marocchina, i suoi rapporti di potere, le relazioni tra i due sessi e la donna questa volta non è soltanto vittima ma partecipe, le sue scelte determinano situazioni non prevedibili, inserite in un meccanismo in cui entra il funzionamento della società in tutti i suoi aspetti, non ultimo e di grande importanza quello economico.

“Sofia” di  Meryem Benm'Barek  si apre ricordandoci che in Marocco il sesso al di fuori del matrimonio è illegale e, secondo l‘articolo 490 del codice penale, può essere punito con un anno di reclusione. Dunque avere un figlio senza essere sposate diventa un gran problema e le ragazze madri, per di più, quasi sicuramente dovranno affrontare una famiglia che le ripudierà. Debutto presentato nella sezione “Un certain regard”, racconta la storia di una donna di 20 anni che solo nel momento del parto è costretta a rivelare la sua condizione. Accompagnata da una parente che studia medicina, va in incognito in un ospedale di Casablanca e ha 24 ore per trovare il padre del bambino altrimenti rischia la prigione. Inizia così la ricerca dell’uomo che dovrà dare il cognome a sua figlia …

Bruna Alasia 

 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il ritorno dell'esule

Quelle terre così lontane al di là del mare. Quel suolo natio dove l’anima mia vola come l’ape di fiore in fiore. Lasciai macerie, una guerra dei sassi un canto selvaggio. Terra scossa inchiodata da un coperchio di...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Resilienza

Non siamo come ci vogliono gli altri  siamo noi, con le nostre storie di fatica per la vita che ci strappiamo a denti stretti

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Notre Dame de Paris: le reliquie salvate

Una scintilla, forse solo una stupida scintilla, si accende all’interno dei uno dei più conosciuti templi del cristianesimo, Notre Dame de Paris. Una scintilla che presto diventa una fiamma che...

Nicoletta De Matthaeis - avatar Nicoletta De Matthaeis

“Sodoma” di Frédéric Martel. Inchiesta sull’omosessualità in Vaticano. Recension…

Nessuna inchiesta ha suscitato tanto scalpore, negli ultimi anni, quanto quella condotta dal giornalista e sociologo francese Frédéric Martel, edita in Italia da Feltrinelli e che porta il titolo della...

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]