Martedì, 05 Marzo 2019 12:28

“C’è tempo”: nel film di Veltroni, il sogno di un’umanità arcobaleno

Scritto da

ROMA -  Protagonista del film di Walter Veltroni, che dopo una serie di documentari esordisce alla regia in un lungometraggio di fiction, è il sogno di un corale creativo nei rapporti umani – per raggiungere il quale C’è tempo, ma in quella direzione va la storia - simboleggiato nell'arcobaleno simbolo naturale di straordinaria bellezza, pace e illuminazione. Non a caso molti movimenti pacifisti usano i suoi colori come bandiera.

“C’è tempo” racconta di Stefano (Stefano Fresi), precario che al denaro antepone i propri valori, che lavora quale “osservatore di arcobaleni”. Figlio di un padre che non ha mai conosciuto perché fuggito dalle sue responsabilità, Stefano scopre a quarant’anni di avere un fratello di tredici di nome Giovanni (Giovanni Fuoco), figlio dello stesso uomo sposato a un’altra donna. Giovanni è rimasto orfano e – secondo la volontà paterna – dovrà essere Stefano stesso ad assumersene la tutela, dietro compenso economico. Stefano e la moglie vivono Giovanni come un problema e meditano di sbarazzarsene mettendolo in collegio. I due fratelli appartengono a due classi sociali diverse e iniziano insieme, da perfetti sconosciuti, un viaggio nella provincia italiana, ricca di patrimonio artistico. Per strada incontrano la cantante Simona (Simona Molinari), in viaggio con la figlia (Francesca Zezza) e le vite dei due, mescolandosi a queste conoscenze nuove, avranno uno sviluppo imprevisto …

Evidente in tutto il film l’intento pedagogico di chi, oltre che regista, è anche un intellettuale che – come lui stesso ha affermato in conferenza stampa – non ha mai rinunciato all’impegno sociale e civile, e dunque non ha mai messo da parte la politica. C’è nel lungometraggio la passione del cinefilo che costella il suo lavoro di cinquanta citazioni: Scola, Mastroianni, Fellini, Bertolucci e su tutte “I 400 colpi” di Truffaut del cui film ha arruolato, per un cameo di se stesso, Jean Pierre Léaud quello che fu in Truffaut il protagonista bambino, idolo dello stesso Veltroni. C’è l’inventiva pratica dell’autore che vede possibilità di sviluppo produttivo:  infatti, il suo protagonista va pazzo per il ghiacciolo arcobaleno, venduto negli anni sessanta - ottanta, e Walter Veltroni ha pensato di parlare con uno dei manager della società, inviandogli una clip, per incoraggiare un ritorno quest’estate di questo tipo di ghiacciolo ormai fuori produzione.

A chi leggesse in quest’opera un eccesso di sentimentalismo Walter Veltroni risponde: “Se c’è un pericolo oggi non è l’eccesso di sentimento, piuttosto l’opposto. Io sono fatto così, non avrei potuto fare un film splatter, ci si porta appresso quello che si è”. E sul buonismo aggiunge“non mi sono mai ribellato a questa definizione”.

  • DATA USCITA: 07 marzo 2019
  • GENERE: Commedia
  • ANNO: 2019
  • REGIA: Walter Veltroni
  • ATTORI: Stefano Fresi, Simona Molinari, Giovanni Fuoco, Francesca Zezza, Sergio Pierattini, Laura Efrikian, Silvia Gallerano, Shi Yang Shi, Max Tortora, Anna Billò, Jean-Pierre Léaud, Giovanni Benincasa
  • PAESE: Italia
  • DISTRIBUZIONE: Vision Distribution
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]