Domenica, 17 Marzo 2019 12:36

I premiati del decimo Francofilm festival

Scritto da

ROMA – Si è conclusa la decima edizione del Francofilm Festival.

La giuria, presieduta da Romano Milani, Segretario Generale del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e composta da Maite Bulgari, Consigliere di Amministrazione di Istituto Luce Cinecittà e Antonio Flamini, Direttore artistico del Roma Africa Film Festival ha assegnato il suo Gran Premio al film albanese “The delegation” di Bujar Alimanila con la seguente motivazione: "Partendo da un paradosso - un intellettuale dissidente dovrebbe testimoniare di fronte a una commissione europea sul rispetto dei diritti umani a favore del regime che lo tiene chiuso in carcere da anni -, lo scenario si concentra sul clima ideologico e sociale del momento in cui (è il 1990) il sistema che ha sostituito solo apparentemente la dittatura, vacilla. Il provocatorio pretesto narrativo è sviluppato in crescendo, grazie all'accorta e misurata regia. Inatteso l'esplosivo colpo di scena finale che sovverte la trama mistificatrice lasciando tutti - politicamente parlando - in mezzo alla strada. Esemplari le interpretazioni di protagonisti e comprimari".

Il Premio del pubblico invece è andato al film rumeno Un pas in Urma - One Step Behind The Seraphim di Daniel Sandu.Tredici Paesi hanno partecipato a questa X edizione del Francofilm che dal 7 al 14 marzo ha portato sugli schermi dell'Institut francais-Centre saint Louis di Roma - organizzatore del Festival in collaborazione con le Ambasciate dei Paesi francofoni - film provenienti da Albania, Armenia, Belgio, Bulgaria, Canada-Québec, Costa d'Avorio, Francia, Lussemburgo, Mali, Marocco, Romania, Svizzera e Tunisia. 

Un successo di oltre 1500 persone ha caratterizzato l’ evento che, per gli spettatori romani, costituisce un’occasione per scoprire alcuni film in Italia inediti, come di incontrare e conversare con registi che altrimenti non si potrebbero conoscere. Quasi sempre affollate le sale del Centre Saint Louis dove sono stati proiettati i tredici film che hanno concorso alla kermesse. Anche le opere che non hanno ricevuto un premio, sono state di alto livello e grande interesse - basti citare “Sofia” di Meriyem Benm’Barak, già vincitrice a Cannes del premio per la migliore sceneggiatura, sulla condizione della donna in Marocco, se madre fuori del matrimonio. E poi ancora Wùlu di Daouda Coulibaly, che ci mostra un Mali inedito, nella spirale del traffico di Cocaina cui partecipa Al Qaida. E ancora Gutland, un noir Lussemburghese simbolico e sui generis.

Associato alle Giornate della Francofonia in Italia di cui sposa la missione condividendone i valori democratici universali, il Franco film festival è organizzato dall’Institut français - Centre Saint-Louis di Roma in collaborazione con le Ambasciate e le Rappresentanze di molti degli 84 Paesi membri dell'Organizzazione Internazionale della Francofonia è patrocinato dal Festival International du Film Francophone de Namur e dal Comune di Roma e organizzato con il sostegno del Gruppo delle Ambasciate francofone a Roma ed Air France e in collaborazione con IF-Cinémathèque Afrique, Romafrica, Cineclub internazionale, I-Wonder pictures. Media-partners Cinecittànews, Tv5 monde, Libera università del cinema.

Servizio fotografico di Fabio Massimo Tombolini

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]