Domenica, 17 Marzo 2019 12:36

I premiati del decimo Francofilm festival

Scritto da

ROMA – Si è conclusa la decima edizione del Francofilm Festival.

La giuria, presieduta da Romano Milani, Segretario Generale del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e composta da Maite Bulgari, Consigliere di Amministrazione di Istituto Luce Cinecittà e Antonio Flamini, Direttore artistico del Roma Africa Film Festival ha assegnato il suo Gran Premio al film albanese “The delegation” di Bujar Alimanila con la seguente motivazione: "Partendo da un paradosso - un intellettuale dissidente dovrebbe testimoniare di fronte a una commissione europea sul rispetto dei diritti umani a favore del regime che lo tiene chiuso in carcere da anni -, lo scenario si concentra sul clima ideologico e sociale del momento in cui (è il 1990) il sistema che ha sostituito solo apparentemente la dittatura, vacilla. Il provocatorio pretesto narrativo è sviluppato in crescendo, grazie all'accorta e misurata regia. Inatteso l'esplosivo colpo di scena finale che sovverte la trama mistificatrice lasciando tutti - politicamente parlando - in mezzo alla strada. Esemplari le interpretazioni di protagonisti e comprimari".

Il Premio del pubblico invece è andato al film rumeno Un pas in Urma - One Step Behind The Seraphim di Daniel Sandu.Tredici Paesi hanno partecipato a questa X edizione del Francofilm che dal 7 al 14 marzo ha portato sugli schermi dell'Institut francais-Centre saint Louis di Roma - organizzatore del Festival in collaborazione con le Ambasciate dei Paesi francofoni - film provenienti da Albania, Armenia, Belgio, Bulgaria, Canada-Québec, Costa d'Avorio, Francia, Lussemburgo, Mali, Marocco, Romania, Svizzera e Tunisia. 

Un successo di oltre 1500 persone ha caratterizzato l’ evento che, per gli spettatori romani, costituisce un’occasione per scoprire alcuni film in Italia inediti, come di incontrare e conversare con registi che altrimenti non si potrebbero conoscere. Quasi sempre affollate le sale del Centre Saint Louis dove sono stati proiettati i tredici film che hanno concorso alla kermesse. Anche le opere che non hanno ricevuto un premio, sono state di alto livello e grande interesse - basti citare “Sofia” di Meriyem Benm’Barak, già vincitrice a Cannes del premio per la migliore sceneggiatura, sulla condizione della donna in Marocco, se madre fuori del matrimonio. E poi ancora Wùlu di Daouda Coulibaly, che ci mostra un Mali inedito, nella spirale del traffico di Cocaina cui partecipa Al Qaida. E ancora Gutland, un noir Lussemburghese simbolico e sui generis.

Associato alle Giornate della Francofonia in Italia di cui sposa la missione condividendone i valori democratici universali, il Franco film festival è organizzato dall’Institut français - Centre Saint-Louis di Roma in collaborazione con le Ambasciate e le Rappresentanze di molti degli 84 Paesi membri dell'Organizzazione Internazionale della Francofonia è patrocinato dal Festival International du Film Francophone de Namur e dal Comune di Roma e organizzato con il sostegno del Gruppo delle Ambasciate francofone a Roma ed Air France e in collaborazione con IF-Cinémathèque Afrique, Romafrica, Cineclub internazionale, I-Wonder pictures. Media-partners Cinecittànews, Tv5 monde, Libera università del cinema.

Servizio fotografico di Fabio Massimo Tombolini

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]it