Martedì, 04 Giugno 2019 11:48

“Juliet Naked, Tutta un’altra musica”, da un romanzo di Nick Hornby. Recensione

Scritto da

Tratto dall’omonimo romanzo di Nick Hornby “Juliet Naked, Tutta un’altra musica” con Ethan Hawke, Rose Byrne e Chris O’Dowd,  nell’adattamento curato da Evgenia Peretz, Jim Taylor, Tamara Jenkins, viene portato sul grande schermo dal regista Jesse Peretz.

Nick Horby è, del resto,  tra gli scrittori più saccheggiati dal cinema.  Spunto della trama è  il sogno adolescenziale appartenuto a molti: incontrare il proprio idolo. Pur se nel film il divo è imbolsito, brizzolato e perdente,  e dunque vero protagonista è lo scollamento tra l’ideale del mito e la sua elaborazione nella realtà. 

La storia racconta di un lui che ha il culto di una rock star della giovinezza di nome Tucker Crowe e di una lei che vorrebbe un figlio per riempire quella noiosa vita di coppia. Un giorno emerge un album inedito di Crowe e la donna, entrando in rotta di collisione con il suo uomo, lo stronca online. Il rapporto tra i due s’incrina. All’improvviso però – potenza di internet! – il musicista fantasma,  invecchiato e sconosciuto, contatta la donna e … da quella conoscenza virtuale nascerà tutta un’altra musica.

Gli attori sono bravi e simpatici, ma un buon cast non basta a supplire un contenuto con qualche punta di noia. La sceneggiatura non riesce a dare quella sferzata d’interesse a una commedia che, per quanto gradevole, rimane esile, pur nella garbata combinazione alla Nick Hornby.

  • DATA USCITA: 06 giugno 2019
  • GENERECommedia
  • ANNO2018
  • REGIAJesse Peretz
  • ATTORIRose ByrneEthan HawkeChris O’DowdMegan DoddsJimmy O. YangLily NewmarkAyoola SmartJohanna Thea
  • PAESE: USA
  • DURATA: 105 Min
  • DISTRIBUZIONE: BIM Distribuzione
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]