Lunedì, 10 Giugno 2019 08:55

“A mano disarmata”, la battaglia di Federica Angeli alla mafia

Scritto da

Federica Angeli è la coraggiosa giornalista di Repubblica che con le sue inchieste ha fatto luce sui legami tra la mafia di Ostia e la pubblica amministrazione.

Nata e cresciuta a Ostia, vi abita con la famiglia a due passi dal clan degli Spada. Minacciata di morte, è sotto scorta dal 2013. “ A mano disarmata”, diretto da Claudio Bonivento, è tratto dal libro omonimo della Angeli e ricostruisce gli avvenimenti reali, dalle prime indagini giornalistiche ai casi giudiziari che hanno decimato con l’arresto la malavita del luogo. Ed  è soprattutto la storia privata di una mamma, un papà e tre figli, la cui vita è sconvolta perché Federica Angeli, unica persona in quarant’anni, ha osato denunciare i capi mafia. 

Il rifacimento cinematografico si serve di episodi noti al pubblico, come la famosa testata inflitta all’inviato di RAI2, illumina sul clima di omertà e paura vissuto dagli Ostiensi, s’inserisce nel dibattito antimafia. In particolare ha la capacità di smuovere le coscienze ed emozionare grazie alla bravura narrativa del regista Claudio Bonivento e interpretativa di Claudia Gerini, che dipingono una Federica credibile, con il suo straordinario coraggio e le sue angosce, i dubbi, i sensi di colpa, di essere umano trovatosi in situazioni, non sempre preventivate, dalle quali tornare indietro non era possibile. Dà l’ampiezza del contagio della corruzione con la scoperta, da parte della protagonista, di persone a lei molto care legate al clan mafioso.  Assistendo alla proiezione è impossibile perdere di vista che stiamo guardando la ricostruzione di ciò che è accaduto davvero, che è il nostro presente e infetta il tessuto sociale. “A mano disarmata” ha uno stile, una colonna sonora, efficaci a rilevare la suspense; ma comunica anche speranza perché esplicita come contro la mafia, se non si ha paura, si può vincere. 

 “A mano disarmata” è attualmente nelle sale

Regia: Claudio Bonivento
Interpreti: Claudia Gerini, Francesco Venditti, Mirko Frezza, Francesco Pannofino, Rodolfo Laganà, Maurizio Mattioli, Emanuela Fanelli
Origine: Italia, 2019
Distribuzione: Eagle Pictures 
Durata: 107′

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]