Lunedì, 01 Luglio 2019 15:11

“Il ritratto negato”, l’ultimo Wajda racconta la vita di un pittore

Scritto da

Il pittore Władysław Strzemiński fu l’artista di maggiore fama internazionale nella Polonia tra le due guerre. Amico e studente di Malevič, Chagall e Rodčenko, è stato co-autore della teoria dell’Unismo.

Insegnava all’Accademia di Belle Arti di Łódź, città in cui fondò il Museo d’arte Moderna che ospita una delle più vaste collezioni al mondo. Eccellente professore, fu molto amato dai suoi studenti che lo identificarono quale “messia della pittura moderna”. Contrariamente agli artisti subordinati alle dottrine del realismo socialista, osservanti le direttive del Partito, Strzemiński non accettò compromessi nella sua arte. 

“Il ritratto negato” di Andrzej Wajda illustra gli anni della vita del pittore che vanno dal 1949 al 1952, il periodo più radicale della sovietizzazione della Polonia, durante il quale il realismo socialista divenne forma obbligatoria di ogni espressione creativa. Il film è il ritratto di un uomo incorruttibile, convinto del suo credo, dedito a un’arte non facilmente compresa. Un pittore che, per talento e carattere, pagò cara la sua indipendenza.

Nel 2016, mentre Andrzej Wajda girava “Il ritratto negato”, suo sessantacinquesimo lungometraggio, aveva novant’anni e il film è anche il suo lascito testamentario. Il regista era nato nel 1926 a Suwałki, in Polonia e dopo la guerra aveva lui stesso studiato pittura all’accademia delle Belle Arti di Cracovia, prima di entrare nella Scuola di Cinematografia di Łódź. Wajda ci offre una biografia commovente, rigorosa, asciutta e di avvincente narrazione, indagando il senso dell’arte e l’anelito del vero artista verso la libertà.

  • Titolo originale: Powidoki
  • Regia Andrzej Wajda
  • Nazione: Polonia
  • Distribuzione: Movies Inspired
  • Durata: 98 min
  • Data uscita in Italia 11 luoglio 2019 
  • Genere: Biografico 
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]