Giovedì, 04 Luglio 2019 10:06

Il cinema dell’Azerbaigian a Roma per la seconda volta

Scritto da

L’Azerbaigian – dal Natale del 1991 ufficialmente una Repubblica indipendente che fa parte dell’ONU - è sempre stato insofferente alle centralizzazioni: dei Romanov prima, del Cremlino poi. A scalpitare, infatti, aveva già cominciato alla fine della Prima Guerra Mondiale quando costituì con Armenia e Georgia la Repubblica Federativa Democratica di Transcaucasia.

Il suo successivo scioglimento non impensierì minimamente i leaders azeri che dichiararono addirittura l’indipendenza del proprio Paese e fondarono la Repubblica Democratica dell'Azerbaigian: era il 1918 e nasceva il primo sistema politico dell’Oriente musulmano retto da un Parlamento multipartitico. Durò solo 23 mesi, quando l'Armata Rossa occupò Baku, la capitale e l'Azerbaigian, fu inglobato nell'URSS, ma fece in tempo a varare un provvedimento che, considerate l’epoca e la religione dominante (la quasi totalità degli azeri era ed è musulmana), definirlo rivoluzionario è poco: il voto alle donne. Tanto per farsi un’idea, in Italia l’hanno avuto nel 1946.

Un secolo fa, dunque, nasceva la Repubblica democratica dell’Azerbaigian e a ricordarne i faticosi passi per far sì che democratica non fosse solo un aggettivo, è il documentario “L’ultima sessione” presentato alla seconda edizione del Festival del cinema azerbaigiano ospitato nella romana Casa del Cinema.

Basandosi su documenti d’archivio riservati e mai consultati prima, il regista Fuad Alishov e lo sceneggiatore Musallim Hasanov ricostruiscono gli ultimi giorni della travagliata storia della Repubblica azera e le difficili condizioni in cui il Governo dovette prendere la decisione che metteva fine al primo atto democratico, osteggiato dagli avversari dell’indipendenza, dalle truppe di occupazione e dai loro sostenitori interni.

Ma se questo possiamo definirlo il “pezzo forte” della manifestazione inaugurata dall’Ambasciatore Mammad Ahmadzada il quale ha ricordato come le relazioni tra l’Azerbaigian e l’Italia, fondate su storica amicizia e solide basi, abbiano raggiunto un livello di partenariato strategico nel quale la cultura occupa un posto speciale, ad accendere per la prima volta lo schermo è stato un film del 1945, “Il venditore di stoffe” una commedia musicale interpretata da due stars del cinema azero post-sovietico: il cantante Rashid Behbudov e l’attrice Leyla Badibayli. Ma nemmeno sulle note dell’operetta, in un’ambientazione gioiosa e scoppiettante, gli azeri perdono l’occasione per contestare: il giovane protagonista si vuole sposare, ma cosa si è messo in testa? La possibile sposa non la vuole conoscere il giorno del matrimonio come impongono le regole. La vuole conoscere prima! Il film nell’originale era in bianco e nero ma quando è stato restaurato è stato anche convertito a colori ed è questa la versione vista a Roma.

Sulla storia patria ha puntato l’obbiettivo anche Babak Shirinsifat con “L’uomo del terzo giorno” che porta alla ribalta l’ancora irrisolta e insanguinata controversia - a noi praticamente ignota come, purtroppo, tantissime altre - che dal 1991 divide Armenia e Azerbaigian sulla sovranità del Nagorbo-Karabakh. Decenni di combattimenti che hanno provocato migliaia di morti e centinaia di migliaia di profughi da ambo le parti ricostruiti attraverso il tentativo, riuscito, di un profugo azerbaigiano di tornare nella sua terra.

A strizzare l’occhio – anche nel titolo - a Cechov e al suo “Il giardino dei ciliegi”, è il film di Rasin Ojagov “Il giardino della melagrana” che ci racconta cosa avviene quando Gabil torna inaspettatamente al proprio paese che ha lasciato improvvisamente 12 anni prima senza un perché e senza salutare nemmeno la propria famiglia. 

Un film-cult degli anni novanta, “Tahmina” di Rasim Ojagov, tratto da “Il sesto piano di un appartamento a cinque piani” un best-seller di Anar il più famoso scrittore azero e interpretato da due stars del cinema asiatico, Fakhraddin Manafov e Meral Konrat (Tahmina), ha concluso la rassegna romana. Una vicenda in cui si combatte anche stavolta, ma per l’amore, senza spargimenti di sangue e senza odi razziali.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]