Mercoledì, 07 Agosto 2019 10:24

AIFF 2019. I vincitori del settimo Ariano International Film Festival

Scritto da

 

ARIANO - Straordinario successo riscosso per la settima edizione dell’Ariano International Film Festival, all'insegna dell'arte e della cultura cinematografica, con un bilancio più che positivo per gli organizzatori del festival.

Anche quest'anno la manifestazione si è confermata particolarmente vivace e aperta a contaminazioni e a partnership, in particolare con realtà affini come Aqua Film Festival e Vertical Movie Festival, senza dimenticare quelle storiche con FAI, WWF e WEEC con cui sono stati organizzati laboratori a tema ambientale. Molte, come ogni edizione, le presenze internazionali, tra cui la giornata di lunedì 29 luglio dedicata all’Austria. Non sono mancati workshop, seminari, convegni tra cui quello con l’Università del Sannio, retrospettive, come quella su Bernardo Bertolucci e proiezioni fuori concorso tra cui Gatta Cenerentola, vincitrice di 2 David di Donatello alla presenza del regista Marino Guarnieri. 

Quasi mille opere pervenute da tutto il mondo, sei sezioni in concorso, due concorsi interni, uno di fotografia e l'altro di cosplay, e ben 70 opere in finale.

Il cuore dell'Ariano Film Festival rimane il concorso diviso in due sezioni: AIFF World e AIFF Green (entrambi internazionali).

Il primo è composto da 5 sezioni a tematica libera (lunghi, corti, animazioni, documentari e corti scuola), mentre il secondo prevede una singola sezione a tematica ambientale (con focus sui documentari).

I VINCITORI DELLE VARIE SEZIONI PER L’EDIZIONE 2019:

 “Il ladro di fiori d’oro” di Davide Como  per la sezione Corti Scuola;

“Il piccolo Alieno” di Fabrizio Sorichetti per la sezione AIFF GREEN;

“INANIMATE” di Lucia Bulgarini, per la sezione Animazione;

“Be Kind”di Sabrina Paravicini, per la sezione Documentari;

“MAMA” di Eduardo Vieitez, per la sezione Cortometraggi;

Zerschlag Mein Herz” di Alexandra Makarova  per la sezione Lungometraggi;

“Essere Diversi” di Francesco Musto, Premio Giuria Popolare

“La notte prima” di Annamaria Liguori, Premio Studenti;

“L’amore a domicilio” di Emiliano Corapi, Premio Stampa;

Premio alla Carriera conferito a Nino Celeste e Roberto Girometti;

Premio all’interpretazione conferito a Fortunato Cerlino.

La programmazione è stata variegata ed eterogenea: sette giorni di seminari, workshop, mostre fotografiche, proiezioni di film, cortometraggi, retrospettive ecc.. , durante i quali si è registrata una grande partecipazione di pubblico e un grande interesse da parte del mondo della stampa e del cinema.

Tanti gli ospiti e gli artisti di questa settima sfavillante edizione. La serata condotta in un perfetto equilibrio tra simpatia e bellezza ha visto alternarsi sul palco Franco Oppini, Ada Alberti, Emanuela Tittocchia, Chiara Esposito e Michela Incardona. Ospiti di un graditissimo talk show, dopo la consueta sfilata sul red carpet sono stati gli attori Fortunato Cerlino, Fabio Fulco, Danilo Brugia, Andrea Roncato, Massimo Bonetti, Pino Ammendola, Emanuela Rei, Maurizio Ferrini.

Eccezionale presenza internazionale quella di Emily Shah ex miss New Jersey, bellissima attrice e produttrice hollywodiana dalla carriera in ascesa che ha presentato in anteprima per l’ITALIA il suo film JUNGLE CRY. La grazia, la classe e il fascino di Emily hanno ammaliato il pubblico presente.  Emily Shah rappresenta un legame ideale con il cinema mondiale, perché frutto di un rapporto ormai consolidato dell’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL con la produzione BHP Hollywood Bollywood fondata da PRASHANT SHAH. 

La serata è stata la conclusione perfetta di una edizione all’insegna dell’internazionalità  e del cinema di qualità.

L’obiettivo dell’Ariano International Film Festival  è orientato sempre di più ad esplorare nello specifico un concetto completo di arte  e cultura. Un’occasione dove tante forme della settiama arte si fondono ed intersecano.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]