Giovedì, 22 Agosto 2019 09:43

“Il Regno”, noir giudiziario sulla corruzione politica contemporanea

Scritto da
©Julio Vergne ©Julio Vergne

“Il Regno” ha come soggetto l’attuale sistema di potere e di controllo privatistico della cosa pubblica, apparato dove si è sovrani attraverso la corruzione politica e dove non sembra esserci altro modo di operare per farcela.

Il regista madrileno Rodrigo Sorogoyen narra questo spaccato sociologico, tipico non solo della Spagna, con il ritmo e lo stile del thriller, cui bene si addicono gli sguardi febbrili e furenti di Antonio de la Torre, valido protagonista. Il film è finalista al premio Lux, assegnato dal Parlamento Europeo nel corso della mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia 2019,  allo scopo di promuovere il Cinema Europeo.

La storia inquadra una città costiera della Penisola Iberica, dove un gruppo di colleghi di partito – del quale non è volutamente indicato il colore -  se la gode tra lussuosi yacht e ristoranti esclusivi. Le loro attività quotidiane includono riciclaggio di denaro, ridefinizione della funzione dei territori, brevi viaggi a Madrid e scambi di favori con uomini d’affari. Manuel López Vidal (Antonio de la Torre) è un dirigente regionale. La sua vita, con una moglie e una figlia che lo adorano, è felice e agiata. Ma, in un sistema corrotto, la politica è privilegio di chi sa giocare bene le proprie carte. Manuel sarebbe in regola per fare il grande salto e imporsi sulla scena nazionale, se non fosse stato incastrato da una fuga di notizie che lo coinvolge in uno scandalo per corruzione. Quando il giro delinquenziale viene a galla e cominciano gli interrogatori, Manuel è lasciato solo dai capi e dagli ex amici. Espulso dal "regno" della politica, braccato dalla stampa, indicato come responsabile dello scandalo, non esita a tentare ogni strada pur di salvare la reputazione e, soprattutto, la pelle.

Il Regno 

Un film di Rodrigo Sorogoyen

Cast: Antonio de la Torre, Mónica López, Josep Maria Pou, Bárbara Lennie, Nacho Fresneda, Ana Wagener, Luis Zahera, Francisco Reyes (I), María de Nati, David Lorente. 

Genere Drammatico

Durata 122 minuti. 

Produzione Spagna 2018. 

Uscita Italia: giovedì 5 settembre 2019 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]