Giovedì, 05 Dicembre 2019 21:10

Piccolo Eliseo: Lunetta Savino un’Amélie che lotta contro il tempo

Scritto da

«Tina è una moderna Amélie che vive in un mondo fantastico, pur essendo sempre conscia della sua realtà». A dirlo è l’impareggiabile Lunetta Savino impegnata sul palco del Piccolo Eliseo a Roma con “Non farmi perdere tempo: tragedia comica per donna destinata alle lacrime”. 

In apparenza, è un monologo ambientato tra quattro mura, con minimi spostamenti: il pianerottolo, lo studio medico, le scale. In realtà, sono pindarici i viaggi che la protagonista intraprende con la fantasia, nel tentativo di rendere interessante la sua esistenza, sottoposta a numerose limitazioni causate dalla sindrome di Werner: una malattia genetica che determina un invecchiamento precoce trasformando i suoi 27 anni in 60 effettivi, senza risparmiarle cataratta, diabete, pelle cadente, calvizie e altri disturbi della terza età. Ma non è di certo il male a far perdere l’entusiasmo a Tina, che tenterà di sfruttare al meglio gli anni che le restano, per esaudire i sogni rimasti in sospeso e dirimere annose controversie familiari. 

Vive da sola con la sua domestica ucraina Oxana, presente soltanto attraverso le invettive colorite di Tina sempre pronta a rimproverarla per i suoi abiti succinti, il suo spettegolare e la poca propensione al lavoro, salvo poi elogiarla quando assente. E poi c’è Maria, non una vera e propria amica: un’assistente sociale, in verità, con cui la protagonista si sfoga, raccontando i suoi affanni e i desideri più reconditi. E infine Riccardino: il bambino della vicina, che incontra sul pianerottolo, con la porta socchiusa – nascosto allo sguardo del pubblico - con cui intesse un rapporto materno fatto di nomignoli e giochi di fantasia. 

Non un vero e proprio monologo, ma più dialoghi intessuti nella tela della quotidianità con personaggi reali ma invisibili, evidenti solo attraverso le parole della protagonista: talvolta amare, talvolta allegre, talvolta inquiete. 

Vivacità, determinazione e follia animano Tina - interpretata da una poliedrica Lunetta Savino – che riesce a commuovere e rallegrare, non senza un velo di malinconia per la lotta continua contro il poco tempo a disposizione, ricordando a ciascuno il valore immenso della vita e della libertà di poterne godere a piacimento, senza limiti o condizionamenti.

Piccolo Eliseo fino all’8 dicembre

“Non farmi perdere tempo”

tragedia comica per donna destinata alle lacrime

scritto e diretto da Massimo Andrei

con Lunetta Savino

Scene Daniele Stella

Costumi Annalisa Ciaramella

Musiche Claudio Romana

Video Lorenzo Letizia

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]