Venerdì, 14 Febbraio 2020 12:12

Liolà: risate in rima tra lirica ed emancipazione femminile

Scritto da

Suscita grande ilarità “Liolà” di Luigi Pirandello in scena al teatro Quirino di Roma. Risate e canti per la commedia musicale diretta dal regista Francesco Bellomo che decide di adattarla nella seconda metà del Novecento, epoca in cui la sussistenza in Sicilia era ancora legata alla “roba” e alle antiche tradizioni che relegavano la donna a un ruolo subalterno, senza possibilità di emancipazione scolastica o lavorativa.

Ed è in questo scenario, nel borgo marinaro di Porto Empedocle, che è ambientata la storia di Liolà, un “Don Giovanni” guascone, che seduce tutte le donne del villaggio, con il suo vigore e la sua contagiosa vitalità, le sue canzoni e la sua avvenenza, ma privo di qualsiasi rendita e reddito. Fa da contraltare al giovane sprovveduto, Don Simone Palumbo detto Zio Simone: un commerciante di zolfo molto ricco e avanti con l’età, che gestisce gli affari di un intero borgo, compensando col denaro e il potere la sua presunta impotenza e la mancanza di un erede. A interpretarlo un impareggiabile Enrico Guarneri, che in questa pièce ci diletta con la sua vis tragicomica, riuscendo a divertire il pubblico senza però adombrare protagonista, un divertente Giulio Corso. «Zio Simone – spiega Enrico Guarneri – è un personaggio che gioca sul filo della comicità: incominciai a recitare in commedie più di 35 anni fa, per poi passare al registro tragico per esigenze artistiche e anagrafiche. La mia prima prova drammatica fu con un testo di Eduardo De Filippo che sapeva sia suscitare emozioni che risate: “Tutto per bene” (“N’ guanti gialli”) con il quale ottenni sia il favore del pubblico che della critica ».

Un cast di attori giovani e di grandi speranze dove spicca la brava Roberta Giarrusso nel controverso ruolo di Tuzza, emblema della furbizia e scaltrezza femminile in un’epoca in cui solo con il matrimonio la donna acquisiva decoro e diritti. Emerge nel suo personaggio, da lei egregiamente rappresentato un forte istinto alla sopravvivenza che la spinge a opporsi a una società patriarcale per diventare protagonista della sua vita, subendone anche le conseguenze, come una vera e propria femminista ante litteram.

Una commedia che sa divertire offrendo uno spaccato di una Sicilia che non esiste più, ma i cui valori e tradizioni sopravvivono, in un Paese come l’Italia ancora così frastagliato nelle sue identità locali e retrogrado nei confronti dell’emancipazione femminile, con donne oggi più di ieri vittime di violenze sia fisiche che morali.

Dal 4 al 16 febbraio al teatro Quirino “Vittorio Gassman”

Liolà

di Luigi Pirandello

regia Francesco Bellomo

con Giulio Corso, Nadia Perciabosco, Roberta Giarrusso, Enrico Guarneri e Anna Malvica

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]