Giovedì, 08 Ottobre 2020 09:35

V premio Zavattini. 9 finalisti e 2 “uditrici” ammessi al corso di formazione

Scritto da

Aprendo la conferenza  stampa in streaming, sulla pagina facebook dedicata, per annunciare i finalisti del premio Zavattini 2020-2021, il Presidente di AAMOD - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico – Vincenzo Vita ha affermato: “Nell’esperienza del Premio Zavattini, la memoria si va a riorganizzare in un sapere diverso, dal momento che lavorare sul materiale passato vuole rappresentare una sorta di miccia che accende una nuova forma di creatività, una sorta di interattività non appiattita, un modo di valorizzare nuove forme generazionali.

Per la crescita di un paese la cultura viene prima di tutto. In un’Italia invecchiata – ha specificato Vincenzo Vita – c’è bisogno di incrementare una nuova democratica élite: questa è la missione che AAMOD si propone”.

Rispettando le regole anticovid, tutti i membri con mascherina, la giuria - presieduta da Laura Delli Colli presidente della Fondazione Cinema per Roma e del Sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani e composta da Simone Isola produttore, regista e docente presso La Sapienza Università di Roma, Valentina Pedicini , regista e sceneggiatrice, Patrizia Penzo montatrice, e Paola Scarnati tra i fondatori dell’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico, esperta di conservazione dei beni audiovisivi - per bocca di Laura Delli Colli ha reso pubblica la scelta dei progetti finalisti:

Allegro ma non troppo di Francesco Romagnolo

 Ballare sempre ballare hardcore di Jacopo Babuscio e Claudia Toto

Estraneo di Filippo Loccioni e John Alex Siciliani

 Di padre in figlio di Vittoria Scutifero

Heimat di Giovanni Montagnana

 Il comunismo prima di me di Davide Crudetti

 Potessi dirti addio di Claudio Balboni e RobertaMartinelli

 Sbagliando s’inventa di Alice Sagrati

 Seize the times 2020 di Marco Scola Di Mambro

In tutto 9 progetti ammessi al percorso di formazione e sviluppo offerto ogni anno dal Premio Zavattini con importanti professionisti del cinema italiano. Quello dell’attuale edizione, la quinta, si svolgerà tra ottobre e dicembre 2020. 

I giurati hanno inoltre ammesso le autrici di un decimo progetto in qualità di “uditrici”, Martina Citarella e Isabel Florencia Baeza con L’ira può affievolirsi però il fuoco sopravvive “Insieme ai colleghi abbiamo svolto un lavoro di selezione non facile ma in totale armonia, data la qualità delle proposte arrivate e i contenuti perfettamente in linea con le caratteristiche del bando” – ha dichiarato Laura Delli Colli - “Il Premio Zavattini negli ultimi anni si è imposto nell’ambito di festival nazionali e internazionali soprattutto in virtù della considerazione dell’uso della percezione della memoria d’archivio che propone: non si tratta infatti di far realizzare un documentario vero e proprio, ma stimolare una memoria viva attraverso il lavoro di giovani menti creative”. “I progetti erano ben 72 – ha ricordato Paola Scarnati – e arrivare a questa selezione è stata un’impresa ardua e allo stesso tempo dilaniante, per aver l’obbligo di scartare proposte comunque validissime e che hanno dimostrato da parte di tutti i ragazzi e ragazze una comprensione totale dello spirito del Premio.”

Anche gli autori e le autrici dei progetti finalisti sono intervenuti durante la conferenza stampa, raccontando della loro esperienza e delle loro motivazioni. I giovani aspiranti cineasti hanno poi incontrato il direttore del Premio Antonio Medici, che ha introdotto l’iniziativa insieme alla coordinatrice Aurora Palandrani, ed ha approfondito alcuni aspetti dell’opera e delle istanze teoriche di Cesare Zavattini. Quindi è iniziato il confronto con i tutor Luca OnoratiLuca Ricciardi e Adele Tulli.  Si è in seguito svolto l’incontro con Giacomo Ravesi (Università Roma Tre) dal titolo “Sepolti nella luce Archivio, film-saggio, found footage film”. E così è stato avviata, superando tutte le difficoltà di questo non facile anno, la formazione prevista dallo Zavattini, premio i cui concorrenti è accaduto siano stati scelti dalla mostra di Venezia.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

E se fosse l'anno buono della Roma?

E se fosse l'anno buono della Roma?

Ad inizio campionato non era ritenuta tra le favorite per la lotta allo scudetto.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]