Venerdì, 02 Marzo 2012 16:38

“L’arrivo di Wang”: Manetti Bros a tensione costante. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Lo spunto è da fantascienza, l’approdo è reale. D’altronde la storia del genere sci-fi lo insegna: «La fantascienza è sempre stata una metafora per parlare dei problemi dell’uomo, da Aasimov in giù».

Parola di Antonio Manetti, una metà dei Manetti Bros., registi, sceneggiatori e produttori dell’Arrivo di Wang, nelle sale dal prossimo 9 marzo. Nel film questi problemi sono l’incomunicabilità, l’integrazione e il pregiudizio, che compongono un livello di lettura del testo subordinato alla storia fantascientifica raccontata dai fratelli-registi. Gaia è una traduttrice di cinese che viene chiamata per un lavoro urgente e segreto: deve fare da interprete all’interrogatorio di un certo signor Wang, trattenuto dalle autorità perché piombato all’improvviso a casa di Amounike, in uno scantinato in zona San Pietro, a Roma. L’interrogatorio sarà condotto dall’agente Curti, deciso a scoprire il vero motivo della visita romana di Wang la cui identità sarà inizialmente nascosta agli occhi di Gaia.


«E’ un film con tanta umanità e una buona dose di spettacolarità, diverso dalla classica fantascienza di Hollywood», sottolineano i registi. Hollywood però, s’era già misurata qualche anno fa su questo terreno mischiando sci-fi e integrazione sociale con District 9. Nell’arrivo di Wang il discorso sulla diversità e sul rapporto con lo straniero è meno sfumato che nel film prodotto da Peter Jackson, ed è trattato con maggior sfacciataggine dai Manetti. Il risultato è un film coinvolgente, a tensione costante, merito non solo della regia, ma anche delle luci e della musica di Pivio e Aldo De Scalzi. «Noi stessi siamo orgogliosi di un film del genere che ci siamo autoprodotti proprio perché nessun produttore ci avrebbe scommesso su», ammettono Marco e Antonio Manetti, consapevoli degli spazi ristretti che il mercato cinematografico italiano riserva ai film di genere.


E la soddisfazione è davvero tanta visto che L’arrivo di Wang è stato proiettato con successo in numerosi festival in giro per il mondo, da Sidney a Glasgow, passando per il Trieste International Science-Fiction e il Controcampo italiano nell’ultima edizione della Mostra del cinema di Venezia. L’eco del consenso guadagnato dalla pellicola ha varcato l’Atlantico: fatti i dovuti scongiuri, un remake negli Stati Uniti è più che una possibilità.


L’arrivo di Wang
Regia, soggetto e sceneggiatura dei Manetti Bros.
Con Ennio Fantastichini, Francesca Cuttica, Juliet Esey Joseph e Ly Yong
Fotografia di Alessandro Chiodo
Effetti visivi della Palantir Digital, supervisionati da Simone Silvestri
Nelle sale il 09 marzo 2012.



L’arrivo di Wang – trailer Italiano

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]