Venerdì, 16 Marzo 2012 12:52

'Francofilmfestival' a ingresso gratuito con diritto di voto

Scritto da

ROMA -  Il meglio della recente produzione cinematografica dei Paesi francofoni di tutto il mondo torna a Roma, dal 16 al 23 marzo per la terza edizione del  Francofilm organizzato dall’Institut Français - Centre Saint-Louis di Roma (Largo Toniolo 21-22), dove si terranno le proiezioni a ingresso gratuito.



Una giuria presieduta da Romano Milani, Segretario generale del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e composta, dalla produttrice e distributrice Lydia Genchi e da Vanessa Strizzi, direttore artistico dell’Umbria Film Festival, assegnerà il Premio della Giuria al miglior film e una Menzione speciale. Inoltre, al termine  di ogni proiezione potranno votare anche gli spettatori per decretare il film vincitore del Premio del pubblico.



Il festival presenterà quest’anno 16 pellicole – quasi tutte inedite in Italia – di 12 nazioni, oltre la Francia,  facenti parte dell’ Organizzazione Internazionale della Francofonia: Belgio, Ungheria, Marocco, Lussemburgo, Canada Quebec, Romania, Svizzera, Senegal, Libano, Haiti, Ciad e Slovacchia. i film in concorso – il programma è consultabile al sito ufficiale del festival  HYPERLINK "http://www.francofilm.it" www.francofilm.it – son o 8: La Mosquée di Daoud Aoulad-Syad (Marocco);il rumeno Europolis, diretto da Cornel Gheorghita,; La régate, di Bernard Bellefroid (Belgio); Apricot Island, di Peter Bebjak (Slovacchia); il lussemburghese Réfractaire, di Nicolas Steil; Kalandorok, di Béla Paczolay (Ungheria); La petite chambre, candidato per la Svizzera all’Oscar 2011 per il miglior film straniero e presentato al Festival di Locarno, interpretato da Michel Bouquet e Florence Loiret-Caille, film d’esordio diretto a quattro mani da Stéphanie Chuat e Véronique Reymond e Le vendeur, di Sébastien Pilote del Canada Québec.


Tre i lungometraggi presentati fuori concorso: Et maintenant on va où? (E ora dove andiamo?) della regista libanese Nadine Labaki, che apre le proiezioni del festival il 16 marzo alle ore 21,00; Un homme qui crie, di Mahamat Saleh Haroun, co-produzione Francia, Belgio e Ciad; Le goût des jeunes filles di John L’Écuyer (Canada Québec e Haiti), che sarà presentato, martedì 20 marzo alle ore 17,00 dallo sceneggiatore, scrittore e giornalista haitiano-canadese Dany Laferrière, autore del libro omonimo da cui è tratto il film.

Cinque i documentari, presentati fuori concorso: Dieu a-t-il quitté l'Afrique?, del regista senegalese Musa Dieng Kala, che sarà presentato dal protagonista Missbakh Kara; Territoire perdu, di Pierre-Yves Vanderweerd (Belgio), lo svizzero Vol spécial, diretto da Fernand Melgar, che racconta come ogni anno, in Svizzera, migliaia di uomini e donne vengano incarcerate senza processo né condanna per la sola ragione di risiedere illegalmente sul territorio; i francesi Les Arrivants, di Claudine Bories e Patrice Chagnard e Rosans, miel amer, di Rémi Nelson Borel – ospite del festival – sul dramma di migliaia di harkis  (gli algerini musulmani che hanno combattuto al fianco dell'esercito francese) i quali nel 1962, a seguito dell’indipendenza algerina, minacciati di morte, fuggirono in Francia, dove vennero rinchiusi nei campi.

Apertura e chiusura del festival saranno affidate a due concerti: il 16 marzo alle ore 18,30, concerto di chitarra e banjo del cantante algerino Akli D, uno dei maestri della canzone cabila che mescola motivi melodici e ritmi berberi, il blues del sud. Il 23 marzo sarà la volta di Awa Ly, cantante franco-senegalese dal sound nomade che attinge alle radici del blues, alla canzone francese, al jazz, al soul e al rock, accompagnata dal trombettista Aldo Bassi come ospite d’onore.

A seguire la proiezione del film vincitore.
Presenta la serata  l’attrice del Mali Balkissa Maïga,
Il FrancoFilm Festival è sostenuto da TV5 Monde e realizzato con la partecipazione delle ambasciate e rappresentanze a Roma di Paesi membri e osservatori dell’Organizzazione Internazionale della Francofonia.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]