Lunedì, 19 Marzo 2012 14:39

“E’ nata una star?”. Da Nick Hornby: il figlio porno-divo. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - A moltissimi genitori sarà capitato di scoprire il proprio figlio davanti a un video porno: va naturalmente messo nel conto quando durante l’ adolescenza gli ormoni raggiungono il livello d’allarme.

Più fantasiosa l’ipotesi di trovare il vostro pargolo dall’altra parte dello schermo, con il camice da medico nel più classico plot dell’hard. E’ quello che succede ai protagonisti di “E’ nata una star? “ di Lucio Pellegrini. Sono Lucia e Fausto (Luciana Littizzetto e Rocco Papaleo) che si imbattono – complice una vicina ficcanaso – nel dvd del Dr. Trombhouse, il primo (e unico?) cortometraggio per adulti del loro figliolo Marco (Pietro Castellitto), imbranato aspirante cuoco, privo di qualsiasi estro. In realtà di qualcosa è dotato, anzi superdotato. Finalmente un talento naturale da poter sfruttare? «Suonare il pianoforte è un talento», ribadisce convinto papà Fausto, scosso quanto la moglie davanti alle misure del figlio.

E’ nata una star? è tratto dal romanzo omonimo di Nick Hornby dal quale si discosta però “per un 40 per cento”, sottolinea il regista. «Rispetto al libro abbiamo sviluppato il personaggio del padre, più “latino”, che reagisce in modo più tradizionale». Ed è proprio il contrasto fra la reazione della nordica Lucia e quella del “moralisteggiante” Fausto il piano su cui declina la storia, una volta  giocato il jolly del figlio-pornostar,  pretesto originale da cui la narrazione prende le mosse. «La mamma cerca in tutti i modi di dare un senso a questa scoperta, di incastrarla comunque nella vita della famiglia», spiega Luciana Littizzetto che per la prima volta nella sua carriera l’ attrice si confronta con un ruolo dai toni più malinconici. «Tutto merito della sceneggiatura e di Pellegrini che mi ha fatto lavorare per sottrazione», conclude l’irriverente disturbatrice di “Che tempo che fa”.

Fortunatamente il film rifugge dalla gabbia di doppi sensi e luoghi comuni in cui si sarebbe potuto rinchiudere (vedi il disastroso film di Brizzi “Com’è bello far l’amore”) e il merito va sicuramente alla penna di Hornby, ai dialoghi e alle scene del libro riportati fedelmente in più punti della sceneggiatura. Il risultato è in ogni caso un film a tratti spassoso ma gracilino, esile come lo spessore cartaceo del libro da cui è tratto, solo 70 pagine. E menomale che la coppia inedita Papaleo-Littizzetto funziona.      

E’ nata una star?
Di Lucio Pellegrini
Tratto dal racconto di Nick Hornby E’ nata una star
Con Luciana Littizzetto, Rocco Papaleo e Pietro Castellitto
Sceneggiatura di Massimo Gaudioso, Lucio Pellegrini e Michele Pellegrini
Musiche e canzoni di Brunori Sas
Al cinema dal 23 marzo


E’ nata una star? - trailer

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077