Leonardo Rafanelli

Leonardo Rafanelli

ROMA - Immaginiamo di poter guardare per un attimo alla vita umana con un pizzico di distanza, come se fosse qualcosa che ci interessa, ma che non ci riguarda direttamente. Un pocome si osservano i pesci in un acquario.

ROMA - A vederlo così, elegantissimo nelle sale dellHotel de Russie di Roma, Colin Firth potrebbe davvero sembrare un agente segreto alla James Bond.

ROMA - Chi ha visto Kick-Ass, un sentore di cosa può aspettarsi ce l’ha. Anche se, bisogna ammetterlo, non è facile evitare di rimanere un minimo spiazzati di fronte a un film come Kingsman - Secret Service.

ROMA - Prima di tutto, va detto che Il tracollo ha una genesi assai particolare: questa pièce, infatti, è nata nel 2011 dal lavoro della drammaturga esordiente Giulia Lusetti, che sviluppando un primo atto scritto da Pietro De Silva si è aggiudicata il primo premio al Campionato Nazionale del Secondo Atto

ROMA - Parlando di musical e tematiche storico-religiose non si può non pensare immediatamente a Jesus Christ Superstar. Eppure, quella contenuta nei Vangeli, è indubbiamente una vicenda dalle molteplici sfaccettature, che offre da sempre numerosissimi spunti anche in campo artistico.

ROMA - Più che unimitazione, un omaggio: uno spettacolo divertente, ma anche intenso e dai toni intimi, personali. Perché il legame tra Dario Ballantini e Lucio Dalla non è soltanto quello tradizionale che si crea tra un imitatore e uno dei suoi personaggi. È qualcosa in più: la passione di un fan che nasce dallascolto dei dischi ai tempi del liceo, e che finisce per diventare unamicizia.

ROMA - Diciamolo subito, senza timori: John Wick è uno di quei film dazione alla vecchia maniera, pieni di sparatorie, risse e sequenze che lasciano lo spettatore col fiato sospeso. Per questo, chi cerca pellicole fatte di intrattenimento, di pura sospensione dellincredulità”, lo amerà.

ROMA - Ci sono momenti in cui la vita imita l’arte. Ne è convinto Martin Joubert (Fabrice Luchini), intellettuale parigino trasferitosi in Normandia per portare avanti la panetteria di famiglia.

ROMA - Se c’è un punto fermo, nei lavori firmati da Tim Burton, è la sorpresa. Difficile, per lo spettatore, alzarsi a fine visione senza sentirsi un minimo spiazzato. Anche Big Eyes non fa eccezione. Ma stavolta, il modo stesso in cui il regista di Edward Mani di Forbice sceglie di sorprendere, ha un che di decisamente inatteso.

ROMA - Alto, magro, con un cappello al posto della lunga chioma di un tempo  e sul volto un sorriso appena accennato.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077