Leonardo Rafanelli

Leonardo Rafanelli

ROMA - Prendete tre famiglie: una italiana, una marocchina e una indiana. Mettetetele tutte dentro la stessa casa popolare e date a ciascuna la convinzione di avere il diritto di abitarci legittimamente, in virtù di un anticipo già versato.

ROMA - La diversità raccontata in modo diverso: è questo il nodo centrale di Lappartamento - sold out, nuova pièce firmata da Francesco Apolloni. Lo spettacolo, realizzato con la regia di Vanessa Gasbarri, debutterà il 6 gennaio 2015 al teatro Roma (via Umbertide 3 - piazza S. Maria Ausiliatrice) e rimarrà in scena fino al 25.

ROMA - Quali sfaccettature si celano nelle pieghe della parola “eroe”? Quali miserie fanno da contraltare alle glorie e cosa prevale, alla fine? Attraverso la lente di queste domande, Clint Eastwood torna, in American Sniper, a misurarsi col tema della guerra.

ROMA - La retrospettiva dedicata a Dario Argento dal XIX Roma Film Festival si è chiusa al cinema Trevi, con la celebre trilogia delle Tre Madri. Una scelta di certo non casuale, che ha permesso di poter ammirare nuovamente sul grande schermo un titolo come Suspiria.

ROMA - Alzi la mano chi non ha mai visto Profondo Rosso. A questa domanda, le mani degli spettatori del cinema Trevi sono rimaste praticamente tutte giù. Non è cosa di poco conto, visto che la sala era gremita: esauriti anche i posti in piedi per lomaggio del XIX Roma Film Festival a Dario Argento.

ROMA - Al cinema, le commedie natalizie sono ormai diventate un simbolo irrinunciabile delle festività, al pari dei regali sotto lalbero o delle illuminazioni nelle strade.

ROMA - Nick Dunne (Ben Affleck) e la moglie Amy (Rosamund Pike) sono al quinto anniversario di matrimonio, con alle spalle una storia d’amore meravigliosa messa a dura prova dalle difficoltà della vita. La crisi economica ha distrutto i loro successi e li ha resi disoccupati, la madre di lui è morta e sono stati costretti a trasferirsi da New York a una noiosa provincia del Missouri. Il motore delle loro vite, però, è sempre rimasto l’amore che provano l’uno per l’altra. Eppure, esattamente a cinque anni di distanza dalle loro nozze, Amy scompare improvvisamente. Nick chiede aiuto alla polizia, e in breve diventa il primo sospettato per l’omicidio della moglie. Del resto, la narrazione è intervallata da parentesi tratte dal diario di Amy, in cui scopriamo che la coppia, in apparenza unita e felice, non lo era poi così tanto, e le violenze domestiche non erano mancate. Nick, però, continua a dichiararsi innocente e il cadavere della moglie, in effetti, non si trova.

Qualcuno ha detto che la vita di ogni persona è come una partita a carte: il proprio destino si costruisce giocando su cose che si sanno, e soprattutto su segreti custoditi da altri. Se questo è vero, la ricetta per un buon thriller passa anche dal dorso di quelle carte coperte in grado di rivoltare ogni situazione quotidiana, per quanto tranquilla possa sembrare.  “Cosa è accaduto veramente?”.  A metà pellicola scopriamo che tutti i protagonisti, nessuno escluso, hanno giocato a carte coperte. Tanto basta per capire che L’amore bugiardo è costruito sul contrasto tra ciò che appare e ciò che è vero: lo spettatore si ritrova a mettere tutto in discussione, in un crescendo di tensione, generato dal progressivo svelarsi di particolari  in ombra. A complicare le cose c’è poi la morsa dei media: televisione e social network intervengono sulla vicenda, modificandola e ridefinendola, talvolta con logiche manipolatorie. 

Fincher, già regista di The social network, non risparmia una critica a questo tipo di società, senza  cadere nel banale. Quello che conta davvero, in questo film, è la verosimiglianza. Un obiettivo centrato, nonostante una storia che a tratti può apparire surreale, con qualche nodo narrativo risolto con scappatoie forse un po’ troppo sbrigative. La sceneggiatura, tratta dall’omonimo libro di Gillian Flynn e curata dalla stessa autrice, funziona in maniera eccellente e mescola con grande efficacia gli ingredienti del dramma e del thriller. Non manca nemmeno una scena splatter, un po’ improvvisa ma perfettamente coerente con il mix che si crea tra le  componenti emotive e quella visive della pellicola. Degna di nota la fotografia, pulita e ricca di dettagli: non c’è un’inquadratura fuori posto, e tutto sembra invitare lo spettatore a gustarsi ogni singolo elemento. Ma quel che più colpisce è la performance della protagonista femminile: se Ben Affleck non sfigura, è lo sguardo di Rosamund Pike a dare forma all’universo interiore di Amy lasciando intravedere sogni e incubi, rendendoli straordinariamente reali.

L’amore bugiardo

TITOLO ORIGINALE: Gone Girl

USCITA NELLE SALE: 18 dicembre 2014

GENERE: Drammatico, thriller

REGIA: David Fincher

SCENEGGIATURA: Gillian Flynn

ATTORI: Ben Affleck, Rosamund Pike, Missi Pyle, Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Kim Dickens, Casey Wilson, Patrick Fugit, Scoot McNairy, Emily Ratajkowski, Boyd Holbrook, Lee Norris

FOTOGRAFIA: Jeff Cronenweth

MONTAGGIO: Kirk Baxter

MUSICHE: Trent Reznor, Atticus Ross

PRODUZIONE: New Regency Pictures, Pacific Standard

DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox Italia

PAESE: USA

DURATA: 149 Min

L’amore bugiardo - Trailer

 

ROMA - Al cinema, negli ultimi tempi, è in voga il “restauro”. Dopo The Artist, film muto vincitore del premio oscar nel 2012, e “Django Unchained”, singolare spaghetti western griffato Tarantino, ora è la volta del gangster movie.

ROMA - Il luogo del debutto de “La donna di garbo”, nel 1749, era stato il Teatro delle commedie di Livorno. Ora, per un suggestivo intreccio del destino, a riproporre la commedia di Carlo Goldoni è un regista livornese, Emanuele Barresi, assieme a un cast che comprende molti conterranei. Fa eccezione la protagonista, interpretata dalla veneziana Debora Caprioglio.

ROMA - Il Sen. Achille Serra avverte: “Il malessere sociale può portare a tensioni pericolose”. L’ex Prefetto, oggi Senatore,  Achille Serra intervistato da Reporter Nuovo TV, emittente del corso superiore di giornalismo dell’università Luiss Guido Carli, sugli avvenimenti della Val di Susa.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: il lato buono del conflitto nelle relazioni interpersonali

il conflitto è una componente naturale e può rivelarsi produttiva nell'ambito delle relazioni interpersonali o professionali, e per comprenderne il valore, in prima battuta, proviamo ad analizzare la questione da...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L’amaro frutto della Brexit

Nel mondo della finanza e delle grandi istituzioni bancarie cresce il turbinio di accuse incrociate contro chi sarebbe il primo responsabile di un’eventuale nuova crisi globale. Se fossero solo commenti...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208