1111.jpg

 

Giovedì, 18 Maggio 2017 08:37

Cannes 70. “Les Fantôme d’Ismael”, un’apertura snob

Scritto da

CANNES -  Anime inquiete,  relazioni  complicate, nevrosi, intrighi,  sono gli ingredienti  di “Les Fantôme d’Ismael” di Arnaud Desplechin,  film   d’apertura  del 70 esimo Festival del Cinema di Cannes.   Un film snob, per una nicchia ristretta di cinefili, presentato fuori concorso: 1 h 50 di un film  mutilato,  la versione originale  è di  2 h  10 . 

La storia centrale è quella di Ismael ( Mathieu Almaric) un regista, che fugge i suoi incubi nell’alcool, nel fumo,  che scrive  il suo nuovo film  sul fratello Ivan Dédalus, interpretato da Louis Garrel : un diplomatico in carriera in un mondo di spie russe. Ismael vive con Sandra (Charlotte Gainsbourg), ma a complicare il quadro della sua vita, l’arrivo improvviso  di Carlotta ( Marion Cotillard) che é stata sua moglie, scomparsa ventun’anni prima,  data per morta, lasciandolo  nel lutto. 

Arnaud Desplechin  si definisce un artista che vuole  perturbare, trasmettere i fantasmi della sua mente.  In questo il  film ha raggiunto l’obiettivo nel suo modo unico e originale. I racconti del film si incrociano come nella testa di una persona  impazzita e creano confusione nello spettatore che si trova davanti a un’opera complessa.   Un « mélange » di riferimenti alla Bibbia, al Corano, alla Shoah, alla Guerra fredda, alla psichiatria, a James Joyce, a Alfred Hitchcock (in Vertigo).

 In conferenza stampa,  il regista ha spiegato che il film nella versione originale  si rivolge a chi parla già il Desplechin … Una versione piu’ mentale. La versione corta invece è, secondo lui, la versione piu’ sentimentale... La pellicola è  di un estremismo  cinematografico che a tratti disturba.  Ha fatto dimenticare il disorientamento  del film  Il primo  red carpet ,  che é stato un omaggio glamour al cinema d’autore,  con  le due attrici principali Marion Cotillard e Charlotte Gainsbourg,  stars incontrastate e splendide  rivali d’eleganza .  Questo è Cannes !

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]