1111.jpg

 

Martedì, 21 Maggio 2019 09:18

Cannes 72. “A hidden life”, l’importanza di dire “no” alla politica antidemocratica

Scritto da

CANNES - Franz Jagerstatter è un personaggio realmente esistito:  contadino austriaco, obiettore di coscienza, per aver rifiutato di giurare fedeltà a Hitler fu ghigliottinato.

Terrence Malick ne ricostruisce la vita di coltivatore, marito e padre di tre figli, durante la quale malgrado l’isolamento dei compaesani, le minacce delle autorità, le preghiere della madre, tenne fede al suo credo morale fino alla fine.

Il film si apre con filmati d’epoca che riprendono folle, davvero sterminate, inneggianti al Führer e suonano inquietanti, sinistramente attuali, le parole del sindaco del villaggio che tuona contro gli stranieri immigrati e invasori. Il film di Malick  ai nostri giorni diventa un richiamo alla responsabilità e necessità di schierarsi senza se e senza ma.

Bravo il protagonista August Diehl e Valerie Pachner nella parte della moglie Fani. Compaiono in  piccoli camei  attori famosi come Matthias Shoenaerts e i compianti Bruno Ganz e Michael Nyqvist. Opera di indubbio contenuto morale che, come altre di Terrence Malick, ha il limite della prolissità. Malgrado i fondamentali interrogativi e dubbi filosofici nei quali scava la sceneggiatura, l’inflazione del tempo - 2 ore e 53 minuti - non giova al messaggio perché stanca con la ripetitività. 

Peccato! La riflessione che stimola ai giorni nostri – vale a dire quella sull’acquiescenza, sulla sottovalutazione del pericolo di sdoganare l’odio, sulla volontà di tenere fede a principi etici – sarebbe invece utilissima. Non si può infatti non condividere la citazione di George Eliot, che il regista pone in calce al suo lavoro, la quale ricorda l’importanza del nostro debito verso tutti quegli eroi che vissero una vita nascosta e riposano in tombe che nessuno ricorda.

  • DATA USCITA: N.D.
  • GENERE: Drammatico, Biografico
  • ANNO: 2019
  • REGIA: Terrence Malick
  • ATTORI: August Diehl, Valerie Pachner, Michael Nyqvist, Matthias Schoenaerts, Jürgen Prochnow, Bruno Ganz, Alexander Fehling, Ulrich Matthes, Karl Markovics, Franz Rogowski, Tobias Moretti, Martin Wuttke, Max Mauff, Johan Leysen
  • PAESE: USA, Germania
  • DURATA: 173 Min
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]