1111.jpg

 

Mercoledì, 22 Maggio 2019 12:09

Cannes classic 72. “Pasqualino Settebellezze”, la Wertmueller che divise la critica

Scritto da

E’ un film del 1975, l’ottavo diretto da Lina Wertmuller, uno fra i pochi che non abbia un titolo chilometrico, un vezzo della nostra geniale regista, protagonista un bravissimo Giancarlo Giannini, già Mimi metallurgico e appena, insieme con Mariangela Melato, Travolti da un insolito  destino in un azzurro mare d’agosto.

Un film che ha diviso la critica. E’ la storia di “uno spregevole guappo napoletano, viscido e opportunista che riesce a superare ogni guaio  compreso il campo di concentramento nazista cavandosela sempre”  scrisse il Farinotti. Ma è anche la storia di “una vittima che finisce per diventare un mostro”, ebbe a precisare il Morandini. 

Le disavventure del giovane proletario  si svolgono nella Napoli del 1936 e pochi anni seguenti, e sono un’analisi feroce della filosofia della sopravvivenza. Un film drammatico che piacque agli americani:  ebbe, infatti, quattro candidature all’Oscar (per regia, sceneggiatura, Giannini attore protagonista e miglior film straniero). Ma anche una splendida fotografia di  Tonino Delli Colli e, ovviamente  un superbo Giancarlo Giannini. Da citare anche la scenografia di Enrico Job, marito della regista. Il titolo  spiritoso allude alle “sette bellezze” che sarebbero  le brutte sette sorelle del protagonista, una delle quali viene comunque sedotta da un tale che il guappo si trova costretto ad uccidere. Finito in manicomio, ne esce per entrare in un lager nazista, da cui peraltro a guerra finita torna a Napoli dove trova madre e sorelle che, come la famiglia di Eduardo in Napoli milionaria, hanno trovato il modo di rifarsi della miseria dandosi alla “vita”. 

Si ride, ma amaro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]