Sabato, 24 Ottobre 2015 11:29

Festa cinema Roma. Intervista a Franco Mariotti: “Arrivederci ad Assisi”

Scritto da
Rate this item
(5 votes)

ROMA - E dopo Roma il prossimo importante appuntamento è dedicato a Liliana Cavani, illuminata dai riflettori della XXXIV edizione di “Primo Piano sull’autore - Rassegna del cinema italiano”, che quest’anno si svolgerà ad Assisi dal 23 al 28 novembre. Nell’intervista che segue, il noto direttore artistico Franco Mariotti ci regala uno sguardo sui retroscena

D. Come hai conosciuto Liliana Cavani e com’è nata l’idea di un Primo Piano con lei?

F.M. Ho conosciuto Liliana Cavani quando ancora frequentava il Centro Sperimentale di Cinematografia, anche se non come allieva. A quel tempo, metà degli anni ’60, lavoravo a Bianco e nero e Film Lessico, io e lei eravamo amici e avevo assistito alle prime dei suoi film, a dibattiti e incontri. All’inizio degli anni ’80 nacque Primo Piano sull’Autore ad Assisi ed io ho sempre pensato di dedicarglielo perché se lo meritava. Liliana Cavani era un’esponente del cinema italiano nota in tutto il mondo. Una cineasta a 360 gradi, che spaziava anche nella regia della lirica. Ciò detto, pochi hanno fatto film che scavano come i suoi nel rapporto umano, nel nostro io e nel nostro inconscio. Basti citare “Al di là del bene e del male”. Poi, per molteplici ragioni, il Primo Piano non si fece. Quest’anno le circostanze mi hanno portato a realizzare il progetto. Quando l’ho chiamata mi ha detto: “Franco, finalmente ti sei deciso. Sono vent’anni che aspettavo questo momento”.

D. Primo Piano come approfondirà il profilo di Liliana Cavani?

F.M. Stiamo facendo un’intervista a largo raggio a Liliana. Primo Piano le dedica un libro monografico nel quale ogni autore, ogni critico, scriverà di lei raccontando aneddoti, dando un suo personale giudizio sull’artista e sui suoi film. Si cercherà di interpretare ampiamente il suo cinema. Moltissimi hanno trattano in particolare di Liliana come autrice dei tre grandissimi film su “Francesco”, opere che hanno uno stretto rapporto con i giovani di oggi. Ci sono però pochi scavi nell’io di Liliana e il libro di Primo Piano sull’Autore si prefigge di colmare questa lacuna, al punto che voglio sperare circoli nelle biblioteche, nelle università, nelle scuole di cinema. Argomento che affascina anch’esso i giovani: io stesso, quando tengo delle conferenze, mi accorgo quanto siano tesi a conoscere le strade che portano alla settima arte.

D. Il rapporto con i giovani è fondamentale per Assisi?

F.M. Certo. Non a caso ad Assisi ho affiancato al Primo Piano sull’Autore una rassegna di giovani filmmakers. Si chiama “Dove va il cinema italiano? Oltre la commedia le nuove proposte”. Nell’ambito di questa sezione presentiamo circa dieci film di generi diversi: mi piacerebbe possa nascere da qui una seconda Cavani, un secondo Bertolucci … Quest’anno questa sezione parallela partirà con una settimana di anticipo. Sarà insignito uno sceneggiatore con il premio “Domenico Meccoli scrivere di cinema”. I premiati riceveranno il riconoscimento dalle stesse mani di Liliana Cavani. Primo Piano ha anche la funzione di talent-scout: alcuni artisti passati per Assisi, che han fatto un certo successo all’estero, in Italia non avevano distribuzione.

D. Primo Piano ha illuminato registi dei generi più diversi, ma ciò che accomuna gli autori è essere dei fuori classe …

F.M. Assisi non è però un punto di arrivo, piuttosto un punto di partenza. Faccio l’esempio di Risi che era fermo quando è stato a Primo Piano e poi ha continuato a fare film … Piuttosto va detto che Primo Piano sull’Autore vuole essere una rilettura sulla grandezza di chi ha raggiunto dati livelli, compresi gli autori inizialmente bistrattati come i Vanzina o Neri Parenti, nei fatti, campioni al botteghino. La cinematografia che è giudicata di serie B è invece fondamentale, perché questo cinema permette anche ai film cosiddetti d’autore di sopravvivere, permette di vivere al cinema stesso.   Oggi si va alla riscoperta di questi grandi autori popolari, grazie a Dio.

D. Assisi ha visto arrivare di anno in anno sempre più nomi di prestigio …

F.M. Basti ricordare l’anno scorso Tornatore, ovviamente oggi Liliana Cavani. Vi sono studi fondamentali ad Assisi, l’autore non incontra solo la stampa, ma anche gli studenti dell’università di Perugia, quelli delle medie superiori. Nel giorno di chiusura vi è un convegno di analisi sull’autore con una serie di interventi di storici, critici, intellettuali, compagni di lavoro, dall’attore all’aiuto regista, al montatore, al direttore della fotografia, e così via.  In quest’atmosfera la conoscenza dell’autore si fa tangibile, reale. Si è di solito abituati a incontrare i nostri artisti, magari in grandi occasioni, ma in maniera veloce e superficiale, Primo Piano invece lavorerà quest’anno sull’io della regista, sui suoi sentimenti, su quello che Liliana Cavani sente dentro.  Non è un fatto formale che a Liliana Cavani sia riconosciuta la cittadinanza onoraria di Assisi.

D. Assisi ha tenuto alta la bandiera della cultura negli anni della crisi. Siamo fuori dal guado?

F. M. Purtroppo bisogna continuare a lottare. Mentre i comuni sono affollati di gite aziendali, quando si va a chiedere un contributo per la crescita culturale s’incontrano grandi difficoltà. In ogni caso grazie al rapporto che ho sempre avuto con il cinema e con chi lo fa, nonostante tutto, riesco sempre a portare la barca in porto. Per questo oggi, dalla festa di Roma, posso dire “arrivederci ad Assisi”.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Mamma è tante cose

Cos’è una mamma?  Per chi non l’ha avuta è una stella. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

L'angolo dei classici

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]