Martedì, 27 Ottobre 2015 13:05

Festa cinema Roma. Microbe and gasoline. Nuovo delizioso Gondry. Recensione Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  (nostro inviato) -  Daniel, detto Microbe perché bassino e apparentemente più piccolo dei 14 anni e mezzo sbandierati sulla carta d'identità, è un talento con matite e pennello. Un artista del disegno perseguitato dagli incubi notturni, dai capelli lunghi che lo fanno sembrare una femminuccia e dai pensieri di morte.

Theo, detto Gasoline perché sempre sporco di grasso amando infilare le proprie mani tra i motori, è invece un piccolo genio estremamente acculturato, sarcastico e dalla fantasia sfrenata. Entrambi emarginati dal resto dei compagni, neanche a dirlo, si ritroveranno fianco a fianco per l'intero anno scolastico, pianificando per l'estate una vacanza in solitaria a bordo di un'automobile tirata su con le loro stesse mani.

Diciamolo pure: c’era paura, tanta paura. Paura di vedere uno dei più importanti registi prendere l’ennesima cantonata dopo i disastri hollywoodiani di The Green Hornet e l’eccessivo Mood Indigo.

Personalmente annovero questo regista tra i più importanti ed influenti della mia generazione, per le sue intuizioni visive e narrative al limite e per tutto ciò che ne consegue nei pregi e difetti. Non dimentichiamoci che Michel Gondry è il regista di Human Nature e del capolavoro Eternal Sunshine of The spotless mind. 

Il regista francese ritorna sulla scena, scrivendo e dirigendo forse una delle sue opere migliori. Un meraviglioso e delicato road movie.  Gondry, questa volta, procede per sottrazione, dimenticando gli eccessi di Mood Indigo. A padroneggiare il film è la narrazione che, seppur ricca di soluzioni tanto care al regista, non va mai oltre e non si perde affatto. 

E’ un film sull’amicizia, sulla purezza adolescenziale, sull’immaginazione, sui legami.
Tutti temi, questi, che qualsiasi altro regista avrebbe potuto raccontarli in modi sbagliati o percorrendo strade ovvie. Non lui. Non Michel Gondry. Dialoghi brillanti ed una sceneggiatura articolata e precisa per un film destinato ad essere il nuovo punto di partenza/arrivo del regista di Eternal Sunshine.

Microbe et Gasoilne (Francia, commedia, 2015) di Michel Gondry; con Jean-Claude Vannier, Ange Dargent, Théophile Baquet, Diane Besnier, Audrey Tautou

Microbe and gasoline - Trailer

https://www.youtube.com/watch?v=AZZxgMqQdhQ

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077