Martedì, 27 Ottobre 2015 17:18

Festa cinema Roma. The whispering star. Visionario. Recensione Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA (nostro inviato) - L'umanità si è ridotta drasticamente, l'80% della popolazione è composta da robot e gli umani sono una specie in via d'estinzione. Machine ID 722 è un'androide, a bordo della Rental Spaceship Z.

Con il computer di bordo viaggia da un sistema solare all'altro, consegnando pacchi agli umani: un cappello, una matita, vestiti. Per il suo lavoro raggiunge tanti pianeti, città e spiagge desolate. Non capisce perché gli uomini non scelgano il teletrasporto, come se ricevere materialmente gli oggetti facesse battere il loro cuore. A Whispering Star, la stella dei sussurri, ogni rumore superiore a 30 decibel può uccidere gli abitanti. Yoko cerca in punta di piedi l'indirizzo della destinataria.

Dunque, Sion Sono è un regista folle. Visionario. Geniale. Durante la visione abbiamo assistito, come in pochi altri film, ad un vero e proprio viaggio capace di cambiare determinate percezioni. Il film ha ritmi lenti, lentissimi. Non c’è spazio alla fantascienza movimentata, piena zeppa di effetti speciali e drammi per arricchire la ricetta. The Whispering Star è tutto il contrario.E’ volutamente compassato e segue le azioni di una protagonista algida e apparentemente distaccata.  Una regia meravigliosa in bianco e nero, perfettamente simmetrica, fatta di carrelli e inquadrature fisse. Elegante e meravigliosa.  Sion Sono è riuscito nel suo intento di far calare gli spettatori dentro un sogno/incubo, nelle emozioni visionarie che, solitamente, il cinema di genere (ma forse è giusto non confezionare questa pellicola in una categoria) non riesce e non può offrire.

Un tema importante, quello del ricordo, adattato paurosamente bene dal regista, che è riuscito a regalare un punto di vista profondo e nostalgico che ben si sposa con tutta l’impostazione narrativa e di regia. Pochi registi, si torna a ripetere, possono permettersi di realizzare quello che ha fatto Sono. Evidentemente il suo genio e la sua sregolatezza hanno fatto sì che tutto questo accadesse. E’ un film che ameranno i cinefili per la sua cura maniacale e formale, ma anche il grande pubblico, se davvero vorrà entrare dentro la storia senza fermarsi ai suoi ritmi lenti, riuscirà ad innamorarsene e rendersi conto di trovare davanti un film con un punto di vista spietato eppure così dannatamente emozionante.

Director: Shion Sono

Writer: Shion Sono

Stars: Kenji Endo, Yûto Ikeda, Megumi Kagurazaka |

The whispering star – trailer

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077