Martedì, 18 Ottobre 2016 17:35

Rome Film Fest. “The birth of a nation”, esordio possente

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA (nostro inviato) Nathan Turner, detto Nat, è un nero realmente vissuto in quella Virginia famosa per le piantagioni di cotone, che i padroni bianchi facevano raccogliere agli uomini di colore, dei quali esisteva la compravendita. Bambino di grande intelligenza, Nat imparò prestissimo a leggere e a scrivere dietro insegnamento dei suoi stessi proprietari.

Educato a coltivare la religiosità, s’immerse nella lettura della Bibbia. Nat predicava e recitava i testi sacri per i suoi compagni di schiavitù e fece una vita meno faticosa di altri perché la cultura, inizialmente, lo portò a farsi benvolere. Crescendo, alcune esperienze dolorose scatenarono in lui ansia di libertà ed esaltazione religiosa. Conscio delle ingiustizie, vide in se stesso il prescelto per punire i bianchi che vessavano il suo popolo, sognò che i fratelli prigionieri formassero un esercito del Signore e nell’agosto del 1831, guidò la rivolta degli schiavi della Contea di Southampton ...

“The birth of a nation”, “La nascita di una nazione” tradotto anche come “Il risveglio di un popolo”, è l’eccellente debutto alla regia dell’attore Nate Parker, nei panni del personaggio storico. Con lo stesso titolo esiste un kolossal del 1915 di D.W. Griffith che racconta un dramma familiare sullo sfondo della guerra civile, con un impianto certamente razzista perché celebra il Ku Klux Klan. Nate Parker nel 2016, rovescia la prospettiva di quel film, raccontando una vicenda che è un atto di accusa verso un’America percorsa tuttora da tensioni per il diverso colore della pelle, un’America che pur dicendosi democratica non è riuscita a debellare la cultura dell’odio. Lo stile narrativo del regista è classico, il tema del film non è nuovo ma Nate Parker non scade mai nel dejà vu, non annoia grazie al personale modo di esprimersi, al realismo della sua interpretazione, alla professionalità del cast, alla forza delle immagini e alla maestria del riepilogo di fatti realmente accaduti. 

  • DATA USCITA: 23 febbraio 2017
  • GENERE: Drammatico
  • ANNO: 2016
  • REGIA: Nate Parker
  • ATTORI: Nate Parker, Armie Hammer, Aja Naomi King, Jackie Earle Haley, Gabrielle Union
  • SCENEGGIATURA: Nate Parker
  • FOTOGRAFIA: Elliot Davis
  • MONTAGGIO: Steven Rosenblum
  • MUSICHE: Henry Jackman
  • PRODUZIONE: Bron Studios, Mandalay Pictures, Phantom Four
  • DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox
  • PAESE: USA
  • DURATA: 110 Min

The birth of a nation - Trailer

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La plastica: arte per i Beni Culturali

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077