Festival Internazionale del Film di Roma
Eugenio Murrali

Eugenio Murrali

ROMA - Si devono essere incontrati da qualche parte, conosciuti, innamorati. Li immagino un pomeriggio a chiacchierare insieme, Emma Dante e il dio Dioniso, il dio del teatro, come in un racconto di Esiodo, a ridere, a degustare vino e pensieri, a creare. 

ROMA - Di altri, nel panorama teatrale italiano, non se ne sente o non se ne sente più la necessità. Di Agnese Fallongo, invece, avevamo bisogno e per fortuna è comparsa. Con il suo “La leggenda del pescatore che non sapeva nuotare”, regia di Alessandra Fallucchi, l’1 e 2 ottobre Agnese è tornata al Teatro Quirino, riempiendone la platea e confermandosi una delle autrici più interessanti nell’orizzonte della nuova drammaturgia nazionale.

ROMA - Verso la fine dell’Edipo re di Sofocle, Giocasta grida al protagonista: “No, per gli dei! Se tieni alla tua vita, abbandona questa ricerca! Basta il mio dolore”. È quel momento in cui la madre comprende fino in fondo quanto è accaduto nel palazzo di Tebe e vuole salvare il figlio, che è anche il marito, dalla verità. 

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda eminentemente politica, in teatro civile, che entra nella vita e tenta di confrontarsi con le sclerosi delle mentalità dominanti. Emiliano Russo costruisce con grande intelligenza una regia di scalmanata gioia e ne fa anche spettacolo musicale.

Tona in scena dopo trent’anni, grazie a Walter Pagliaro, al teatro Palladium di Roma, “Il Pellicano” di August Strindberg. Il regista: “Ho cercato di restituire la visionarietà dell’autore”

Oggi e domani al Teatro Due di Roma nell’ambito della rassegna “Lei”, lo spettacolo che entra nelle meccaniche adolescenziali dei nativi digitali 

ROMA - Dalla sala B dell’India arriva una buona notizia: il Teatro italiano è ancora vivo. A confermarcelo sono i 7 talenti veri della compagnia Musella-Mazzarelli, che avrebbe voluto darci la notizia per mezzo di un’architettura drammaturgica intricata, mentre è riuscita a comunicarcela con la coralità felice dell’interpretazione e un linguaggio vivissimo sulla scena. 

ROMA - Un’affinità esclusiva lega Domenico Starnone e Silvio Orlando. Anzi, no, non possiamo parlare di semplice affinità: sulla scena di Lacci, tra la scrittura dell’autore e la complessione dell’attore c’è pura passione d’amore. Spesso, però, la passione amorosa fa sì che l’universo gioisca quando l’amato è lì con noi e che tutto crolli quando si allontana. 

ROMA - Solo un cellulare ha squillato, c’è stato un applauso a scena aperta, anche se non convintissimo, uno più deciso in un momento di buio, abbondanti alla fine.

ROMA - Giuseppe Argirò è un amico. È il regista dell’ “Orestea” di Eschilo – in scena fino a domenica al teatro Arcobaleno di Roma – e, sì, è un amico.

Pagina 1 di 4

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077