Menu
Allarme pedofilia nel Regno Unito. Un problema molto più grave di quanto si pensi

Allarme pedofilia nel Regno Unito. Un problema molto più grave di quanto si pensi

ROMA - Alla fine dello scorso anno furono resi noti...

Scuola. Lettera aperta a Davide Faraone, sottosegretario del governo Renzi

Scuola. Lettera aperta a Davide Faraone, sottosegretario del governo Renzi

Gentile onorevole Faraone, dopo aver letto l’intervista rilasciata al quotidiano “La...

Istat. Calo delle vendite, la ripresa è un miraggio

Istat. Calo delle vendite, la ripresa è un miraggio

ROMA - Oggi l'Istat ha comunicato le rilevazioni relative alle...

Ucraina. Ci sono prove schiaccianti sui crimini di guerra

Ucraina. Ci sono prove schiaccianti sui crimini di guerra

ROMA - Amnesty International ha diffuso oggi nuove, schiaccianti prove...

L'Isis avanza, una minaccia da non sottovalutare

L'Isis avanza, una minaccia da non sottovalutare

ROMA - I jihadisti dello Stato islamico consolidano il loro...

Baltimora. Il Grand Giurì incrimina 6 agenti per la morte di Gray

Baltimora. Il Grand Giurì incrimina 6 agenti per la morte di Gray

NEW YOEK - Si aggrava la posizione dei sei agenti...

Paolo Sorrentino, talento visionario

Paolo Sorrentino, talento visionario

Ritratto del regista napoletano in concorso a Cannes con “La...

Ecoreati, tante parole pochi fatti, l’ambiente va difeso

Ecoreati, tante parole pochi fatti, l’ambiente va difeso

ROMA - I reati contro l’ambiente hanno una caratteristica fondamentali:...

Strage Museo Bardo. Il marocchino arrestato incontrò i terroristi

Strage Museo Bardo. Il marocchino arrestato incontrò i terroristi

TUNISI - Il 18 marzo scorso, giorno della strage al...

Scuola. L'ultimatum di Fassina, sono pronto a lasciare il PD

Scuola. L'ultimatum di Fassina, sono pronto a lasciare il PD

ROMA - Si fa sempre più insistente l’ultimatum di Stefano...

Prev Next

“Hannah Arendt” di Margarethe Von Trotta. Consigliato da Dazebao. Recensione. Trailer

“Hannah Arendt” di Margarethe Von Trotta. Consigliato da Dazebao. Recensione. Trailer

ROMA - Sarà nei cinema, evento unico per il Giorno della memoria, solo lunedì 27 e martedì 28 gennaio – elenco delle sale disponibile su www.nexodigital.it – il nuovo film di Margarethe Von Trotta, “Hannah Arendt”, presentato a Roma dalla stessa regista. 

 

La Von Trotta, famosa per “Anni di Piombo” che gli valse il Leone d’Oro a Venezia, ci offre il ritratto di un personaggio scomodo, non ancora sufficientemente indagato, confermandosi autrice anticonformista. Hannah Arendt,  geniale filosofa tedesca di origini ebraiche ( lei rifiutò sempre la definizione di filosofa ma devo contravvenire per semplicità) è raffigurata dalla Von Trotta nel periodo della maturità: quando, fuggita dagli orrori della Germania nazista e rifugiatasi insieme al marito negli Stati Uniti, dopo la guerra venne inviata in Israele dal New Yorker – periodico americano di punta – per fare un reportage sul processo al nazista Adolf Eichmann, considerato uno dei maggiori responsabili operativi dello sterminio degli ebrei. Dopo aver assistito alle udienze, la Arendt osò scrivere dell’Olocausto con parole mai sentite prima, additando le connivenze oscure tra vittime e carnefici, le responsabilità degli stessi capi ebrei nel mandare al macello i loro simili. Il film è documentato dalle autentiche fasi del processo e dalle illuminanti dichiarazioni di Eichman. Frutto di questa esperienza è il saggio che la Arendt titolò “La banalità del male”, libro che provocò grande scandalo e fu attaccato anche dagli amici. Oggi è considerato una delle pietre miliari per trovare l’uscita nel labirinto della distruttività umana.

 

Margarethe Von Trotta lascia sullo sfondo l’amore tra Hannah e il filosofo  Martin Heidegger, del quale la Arendt fu allieva prediletta e amante per un periodo importante. Si dice sia questa la relazione che segnò la sua vita,  non tanto perché Heidegger fosse sposato quanto per la drammatica adesione di lui al nazismo. Margarethe Von Trotta ha spiegato in conferenza stampa che narrare la storia di un amore impossibile sarebbe stato troppo facile, a lei interessava illuminare il pensiero della Arendt. Il film ci regala comunque sprazzi di vita privata, ad esempio l’ intelligenza di Hannah nell’accettare il tradimento  dell’uomo che poi sposò. 

 

 

Angelo Draicchi, distributore del film, ha spiegato ai giornalisti le difficoltà di una pellicola tanto ambiziosa: "Doveva uscire nell'ottobre 2013 ma poi tutto era ingolfato. Si è costruita allora una strategia particolare che ha legato l'uscita alla Giornata della Memoria. Il mercato italiano è difficile, ma senza lamentarci cerchiamo un nostro percorso". Dazebao consiglia di non perdere questo film, impegnativo e bellissimo, a chi ama indagare la condizione umana.

 

 

 

Film di Margarethe von Trotta. Con Barbara Sukowa, Axel Milberg, Janet McTeer, Julia Jentsch, Ulrich Noethen

Michael Degen, Nicholas Woodeson, Victoria Trauttmansdorff

Drammatico, durata 113 min. - Germania, Lussemburgo, Francia 2012. - Nexo uscita lunedì 27 e 28 gennaio 2014.

 

Hannah Arendt – Trailer in lingua originale

 

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208