Mercoledì, 26 Febbraio 2014 15:36

Teatro Quirino. “L’importanza di chiamarsi Ernesto” di Oscar Wilde. Recensione

Scritto da
Foto Federico Riva Foto Federico Riva

ROMA -  Il titolo originale de “L’importanza di chiamarsi Ernesto”, racchiude un  gioco di parole impossibile nella nostra lingua:  l'aggettivo "earnest" in inglese vuol dire onesto, sincero,  e ha la stessa pronuncia del nome proprio "Ernest", Ernesto.

Sull’assonanza tra earnest e Ernest risiede il paradosso fondamentale della commedia di Oscar Wilde, che, con questo sottile espediente linguistico, tende a mettere in luce l’ostentazione dell'apparenza e della forma dell'alta società vittoriana, ipocrisia e superficialità che conosciamo bene ai giorni nostri.

Algernoon e Jack sono due aristocratici, molto intimi,  che vivono nella menzogna: Algernoon si è inventato l’esistenza di Bunbury, un amico molto malato che gli permette di sfuggire ad eventi indesiderati con la scusa di andare ad accudirlo.   Jack finge a sua volta di avere uno scapestrato fratello di nome Earnest e, quando si annoia nella sua tenuta in campagna , si allontana  col pretesto di andare a rimediare a una bravata dell’immaginario consanguineo. Jack,  conosciuto col nome di Earnest, ama Gwendolyn, la cui madre lo rifiuta come pretendente, in quanto orfano senza passato. Algernoon, fingendosi lo sbandato fratello di Jack, piomba nella sua villa e si innamora di Cecily, ragazza che ha sempre desiderato fidanzarsi con un uomo che si chiamasse Earnest. Da qui partono una serie di esilaranti equivoci, scambi di personalità, incastri, paradossi, che rendono la commedia di Wilde -  ricca di nonsense e giochi di parole -  avvincente fino alla sua ironica  conclusione.

"The importance of Being Earnest" debuttò a Londra nel 1895.  Alla prima ebbe un successo strepitoso, ma fu smontata dopo appena 6 repliche, come conseguenza dello scandalo in cui Wilde era andato a cacciarsi querelando per diffamazione Lord Queensberry che lo aveva pubblicamente tacciato di sodomia. Fu l’ultimo suo lavoro teatrale, diversissimo dai precedenti. Suona dolente la necessità di Wilde di sorridere sull’ipocrisia e la superficialità della società  del suo tempo, se pensiamo che pagò salatamente la sua impossibilità di essere “normale”.

Geppy Gleijeses , regista e interprete afferma: <Reinterpretare Wilde e la sua “Importanza” tredici anni dopo ti consente di leggere in modo più articolato quella che passa per essere la “commedia perfetta”. Il nostro compito era quello di continuare a giocare e far funzionare la macchina, ma, in tralice… nella casa di Algernon campeggia un martirio di San Sebastiano di Guido Reni, un meraviglioso esempio di estetica trafitta dai dardi del destino. Come un destino crudele trafisse Oscar Wilde>.

Teatro Quirino

repliche fino al 16 marzo

Teatro Quirino Vittorio Gassman

Geppy Gleijeses   Marianella Bargilli  Lucia Poli   

L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO

di Oscar Wilde
traduzione Masolino D’Amico

proiezione scenica Teresa Emanuele
costumi Adele Bargilli
musiche Matteo D’Amico
luci Luigi Ascione
spazio scenico e regia Geppy Gleijeses

personaggi e interpreti

in ordine di apparizione

Algernon

 

Marianella Bargilli

Lane

 

Orazio Stracuzzi

Jack

 

Geppy Gleijeses

Lady Bracknell

 

Lucia Poli

Gwendolen

 

Valeria Contadino

Miss Prism

 

Renata Zamengo

Cecily

 

Giordana Morandini

Ghasuble

 

Luciano D’Amico

Merriman

 

Orazio Stracuzzi

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]