Venerdì, 29 Luglio 2016 19:15

FFF. L’intervista. Sabina Guzzanti: “Serve una rivoluzione morale e culturale”

Scritto da

FIUGGI (nostro inviato) Al Fiuggi Film festival molto attesa  la proiezione del docu-film” La Trattativa” di Sabina Guzzanti che parla della negoziazione  tra Stato e Mafia che pose fine alla fase stragista che scosse l’Italia tra il 1992 e 1994.

Un film forte, duro che rivela verità sconvolgenti sul legame tra politica, criminalità organizzata, magistratura, Forze dell’Ordine e Massoneria.  Sabina Guzzanti è arrivata a sera nella graziosa cittadina termale in tempo per sentire l’applauso del pubblico ai titoli di coda. Quindi  si è generosamente concessa fino all’una di notte a una platea curiosa e sconcertata dalla pellicola, rispondendo a domande del pubblico, dei giovani giurati del Festival e della Stampa. Ecco che cosa ci ha detto.

D. Come è nata l’idea del film?

 Mi sono interessata a questo argomento perché non ne avevo un’idea molto chiara e, andando avanti nelle ricerche, sono rimasta sconvolta da quello che ho saputo  e ho pensato che molte altre persone non sapessero e dovevano sapere.

D. Perché nel film non è citato Andreotti?

Il film parla degli avvenimenti tra il 1992 e il 1994 e quindi approfondisce il tema del post- Andreotti, anche se è da lui che parte.

D. È girato in modo anomalo. Perché?

Mi sono messa a studiare leggendo migliaia di pagine e ascoltando centinaia di ore di registrazioni di processi. C’era troppo materiale da mettere in scena. Quindi ho scelto la formula teatrale-documentaristica-filmica, in modo che il racconto si potesse fondere bene con la verità degli avvenimenti.

D.  Il lavoro di ricerca è stato solo con registrazioni e testi?

                   No, ho anche parlato con magistrati e mafiosi, ormai quasi fuori dal         regime di  protezione testimoni, che mi hanno raccontato fatti reali. In particolare due pentiti si sono dimostrati persone molte simpatiche e pronte alla battuta, anche se poi mi hanno rivelato di aver ucciso con le loro mani oltre cinquanta persone.

D. Ha avuto problemi a distribuirlo?

Pensavo di dover affrontare gli stessi problemi avuti con i due precedenti film “Viva Zapatero!”, che tratta della satira televisiva,  e “Draquila”, all’epoca osteggiato apertamente da Bondi che attaccò persino il Festival di Cannes per averlo accolto, sfiorando l’incidente diplomatico. Tutta pubblicità per il film che tutti erano curiosi di vedere. Mentre per La Trattativa c’è stato il “silenziamento” totale. Nessun attacco diretto, la politica e la stampa lo hanno ignorato. 

D. Il film ci dice che bisogna perseguire la legalità?

No, la legalità non è un obiettivo. Lo è la giustizia, perché le leggi le fanno i politici spesso corrotti. No viviamo in un Paese corrotto, quindi come si può pensare che la la magistratura sia la sola e unica classe di santi? Gli avvenimenti di cui parla La Trattativa sono accaduti anche grazie alla complicità della parte corrotta della magistratura. Ciò di cui abbiamo bisogno è una rivoluzione morale e culturale. Non basta che      circolino informazioni, bisogna anche essere in grado di elaborare le informazioni che si recepiscono.  

D.  La trattativa non parla del Maxi processo …

No, ne parlo perché è proprio il maxi processo e le sentenze che ne derivano che scatenano la fase stragista. La Cassazione fino ad allora aveva sempre assolto tutti gli imputati mafiosi ma, per una serie di fortuite coincidenze, questo non accadde con le sentenze del maxi processo. Ciò fece venire meno il patto Stato/Mafia tenuto in piedi fino ad allora, scatenando la reazione della criminalità organizzata.

D. Progetti futuri?

In autunno partirà il programma TG Porco su La Sette, sarà la copertina di Piazza Pulita. Spero possa andare oltre la prima puntata.

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il ritorno dell'esule

Quelle terre così lontane al di là del mare. Quel suolo natio dove l’anima mia vola come l’ape di fiore in fiore. Lasciai macerie, una guerra dei sassi un canto selvaggio. Terra scossa inchiodata da un coperchio di...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Resilienza

Non siamo come ci vogliono gli altri  siamo noi, con le nostre storie di fatica per la vita che ci strappiamo a denti stretti

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Notre Dame de Paris: le reliquie salvate

Una scintilla, forse solo una stupida scintilla, si accende all’interno dei uno dei più conosciuti templi del cristianesimo, Notre Dame de Paris. Una scintilla che presto diventa una fiamma che...

Nicoletta De Matthaeis - avatar Nicoletta De Matthaeis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]