Martedì, 21 Febbraio 2012 07:04

Poker d’assi per l’Italia all’ÈCU – The European Independent Film Festival 2012

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

PARIGI – L’ÈCU,  The European Independent Film Festival da qualche giorno ormai, ha reso nota la selezione ufficiale della prossima edizione: ben 100 film si contenderanno lo scettro in quattordici categorie per un ammontare totale di ventiquattro premi. Ben trentatré i paesi in gara e su un totale di 100 film 6 sono italiani.

Il talento italiano è in gara nelle seguenti categorie: Cortometraggio drammatico europeo, Film sperimentale, Video musicale, Film giovane e Film studentesco. Tra di essi spiccano: Il lucchetto di Ettore Nicoletti, Il Poeta di Mauro John Capece, Metachaos di Alessandro Bavari e Addictions di Govanni Bucci. “Il lucchetto” di Ettore Nicoletti, attore di teatro, cinema e tv con esperienze di studio all’estero affronta la tematica dell’amore: “Esiste l’amore perfetto? O ne esiste solo l’idea?”, riuscirà il regista a trovare una risposta nel breve e pur intenso susseguirsi delle immagini e scene di un corto? Di altro genere, ma dalla tematica sempre attuale è “Il Poeta” di Mauro John Capece regista e produttore indipendente, i cui lavori nel corso degli anni si sono distinti in film festival nazionali e internazionali.

 

Il cortometraggio in questione narra “dell’arte umiliata” nel mondo contemporaneo, un poeta affronta la vita di tutti i giorni: lavora, s’innamora e soprattutto scrive i suoi poemi. Ma in ogni storia che si rispetti c’è sempre qualcosa che non fa tornare i conti: quale lavoro è costretto a fare per sopravvivere il protagonista? E soprattutto come si sente a farlo? Nella categoria film sperimentale è in gara Metachaos di Alessandro Bavari; il regista nato a Latina e cresciuto in una famiglia italo-francese, già all’età di 15 anni si appassiona alla fotografia e decide di studiare l’arte in tutti i suoi aspetti e forme. La sua produzione artistica è resa sopraffina dalle tecniche di elaborazione digitale, che gli permettono di sviluppare un linguaggio artistico personale, "una sorta di contaminazione tra le arti, che gli permette di dissolvere i confini che le distinguono”. METACHAOS è definito dal suo stesso autore: “un progetto visivo multidisciplinare, che si articola in un cortometraggio,   n una serie fotografica ed in dipinti realizzati a tecnica mista, esso nasce dalla volontà di rappresentare gli aspetti più tragici del genere umano e dei suoi moti, come le guerre, la follia, i mutamenti sociali e l’odio”. Tra i video musicali invece c’è Addictions di Giovanni Bucci, regista e motion designer italo-tedesco, diplomato all’Istituto Europeo di Design di Roma vive tra Los Angeles e Londra, e vanta nel suo curriculum numerose collaborazioni con grandi brand tra i quali Nike, Warner Bros, Sony, e Columbia.

 

La tecnica propria, di Giovanni è di usare un singolo sfondo o immagine e di dare vita a una storia creando una commistione di tecniche che spaziano dall’animazione 3D ai movimenti delle riprese. Addictions, video dedicato alle dipendenze tecnologiche e non solo, rispecchia alla perfezione questo mix creativo, per realizzarlo, infatti, sono stati utilizzati animazione stop motion, riprese macro, editing, effetti visivi, make up, e tanto altro. Tra gli altri film italiani in concorso all’ÈCU 2012 MyShoes della giovane ed esordiente Elisa Resinaro e The punishement dell’ormai celebre Sergio Manfio.

Read 7508 times Last modified on Martedì, 21 Febbraio 2012 13:01

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077