Il libro

Maria Fontana Cito, poetessa marchigiana nata a Camerino ed ex bibliotecaria della locale Università degli Studi  


ROMA - In questo triste momento, l’autrice, che si trova nel Lazio, ci parla con le lacrime agli occhi della sua città Camerino nobile, bella e tranquilla e della sua antica università, che dal 1336 ha istruito ed istruisce migliaia di studenti. Vedere ora, per la seconda volta dopo il 1997, piangere pietredagli antichi muri le fa veramente male, come   le fa male vedere i ragazzi, compresi i suoi figli, con il viso tra le mani piangere sul loro incerto e lontano futuro.

Improvvisamente, come un fiore tra le macerie, sbuca prepotente il suo libroPoggio Paradiso. Versi e versanti dei Monti Sibillini . La poetessa, abbozzando un sorriso ci racconta del periodo della sua vita passato sui Monti Sibillini, dove le escursioni su quelle montagne rotonde e su quegli altipiani fioriti, l'hanno ispirata facendole scrivere poesie d'amore, di evanescente erotismo e di sentimento della natura, che portano tutte come titolo i nomi di quei luoghi..

Scosse

Si accende il pensiero

di scosse venute

dalle furie impetuose

di mostri*

abitanti  in abissi

di terra infuocata,

che piombano addosso

facendo della vita

un ammasso

di polvere e pietre.

Si accende il pensiero

su file di gente

sperduta e isolata

con i visi raccolti

in palmo di mano

e sguardi profondi

di disperazione.

La belva ora tace.

Ha sbranato le prede,

sonnecchia,

ma può  ritornare

soffiare….

e colpire di nuovo.

E’ rimasta una torre,

sono rimaste una chiesa

una casa sperduta

un palazzo crinato.

Continua la furia.

La città ora giace.

Sulle pietre c'è il sole

e di notte la luna.

Si continua a sperare

nella nuova avventura

di una vita di sogno

e non di dolore.

Maria Fontana Cito, 30 ottobre 2016 ore 7,40

*Ovviamente “mostri” è solo una metafora poetica; l’autrice è pienamente consapevole del fatto che l’instabilità della natura è aggravata dall’incuria dell’uomo.

 Desktop2.jpg

Mercoledì, 02 Novembre 2016 15:38

Mesogea. “Poema umano” di Danilo Dolci. Recensione

Scritto da

Torna in libreria, grazie all’editore Mesogea,  “Poema umano” di Danilo Dolci, introvabile raccolta lirica, dopo la prima pubblicazione del 1974 con Einaudi. In esso è contenuta una sofferta sintesi della riflessione poetica di Dolci sull’uomo e sul mistero della vita.

Stralcio prefazione di Corrado Mazzetti

Marina Ricci è una giornalista naturalizzata romana.

Stralcio Prefazione di Sergio Mazzei

Il 29 settembre esce in libreria  edito da Castelvecchi nella collana Storie “Il principe che spostava le colline”, primo libro di Giusy Colmo

In un breve scambio di mail con l'autore ho buttato là una frase scherzosa "Abbiamo già ereditato la terra ma non ne siamo ancora molto consapevoli......" alla quale Aldo Cazzullo ha prontamente risposto "Infatti. Gli uomini ormai lo danno per scontato, le donne meno"

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208