Giovedì, 28 Febbraio 2013 17:14

Libro. Fiori dal cemento. Il 5 marzo presentazione a Napoli

Scritto da

NAPOLI -  “…la svolta è avvenuta quando ella stessa ha intuito che il problema non era suo, ma era nostro. Nostro delle lavoratrici, nostro del sindacato, nostro del Paese. Ed è solo percorrendo questa strada, sposando questo nuovo punto di vista, pertanto, che il lavoro può assumere una nuova dimensione fatta di identità , dignità , ricchezza e passione.”


Cosi Susanna Camusso nella postfazione al libro “FIORI DAL CEMENTO” storie di donne che lavorano nel settore delle costruzioni raccontate da quattro scrittrici per la piccola casa editrice indipendente partenopea Caracò, libro  che verrà  presentato a Napoli il 5 marzo, ore 17.30 presso la Libreria Feltrinelli di Piazza Garibaldi, e successivamente a Roma - il 19 aprile - alla presenza del segretario generale Cgil.

L’impresa letteraria, voluta dalla Fillea Nazionale e Campania e da [email protected], la rete delle donne  degli edili Cgil nazionale e regionale, racconta le vite e le esperienze di lavoratrici vere, in carne ed ossa, attraverso la narrazione di quattro scrittrici, Raffaella R. Ferrè, Carmen Pellegrino, Maria Cristina Sarò, Cristina Zagaria, da cui emerge un mondo complesso, dove  le aspirazioni, i desideri ed i talenti si incrociano con la fatica, la pazienza e la determinazione, a volte con la sofferenza e gli abusi. Un mondo fatto di mille pezzi difficilmente conciliabili tra loro,  il cui campo di battaglia è troppo spesso il lavoro.

Storie diverse – una restauratrice, una impiegata dell’edilizia, due operaie del legno –  che hanno un comune denominatore “il filo rosso che unisce regioni diverse, percorsi formativi e di vita diversi, culture diverse: il lavoro, come unico e straor-dinario strumento di realizzazione di se stessi” si legge nella introduzione di Walter Schiavella “e se il lavoro è lo strumento, la resistenza è la cifra che caratterizza tutte queste esperienze: resistenza in settori che vorrebbero solo uomini a lavorare, modulati su modelli maschili, dove non esistono servizi igienici o alloggiamenti separati, dove i turni di lavoro e gli strumenti e i materiali usati sono tarati sulla resistenza fisica maschile; resistenza a crisi aziendali, a ristrutturazioni che le vorrebbero sostituite da uomini, meno impegnativi, o da giovani donne, disposte a peggiori condizioni, a patto che non abbiano nei propri progetti velleità materne; resistenza alle proprie famiglie che spesso non capiscono ansie e sofferenze legate ai loro lavori. Eppure, contro tutto, queste donne resistono.”  Per fortuna!

Con il segretario generale della Fillea Walter Schiavella, saranno presenti all'iniziativa le scrittrici e le lavoratrici che hanno partecipato al progetto narrativo "Fiori dal cemento".

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]