Giovedì, 15 Giugno 2017 13:40

Stefan Zweig. “Tramonto di un cuore”. Recensione

Scritto da

“Non è detto che il destino, per distruggere il cuore umano, debba menare un colpo brutale e usare tutta la sua violenza; da futili motivi anzi esso trae la sua indomabile gioia creatrice. Nel nostro linguaggio umano questo primo lieve tocco lo chiamiamo causa, e stupiti confrontiamo la sua piccola misura con gli effetti straordinari di potenza”. Lo scrive Stefan Zweig all’inizio di “Tramonto di un cuore”, guidandoci a scoprire come da una minuzia possa nascere lo stravolgimento di una vita intera

Il racconto narra del vecchio Salomonsohn, un ricco austriaco in villeggiatura, con la moglie e la figlia diciannovenne, sul lago di Garda, nella località tipicamente mitteleuropea di Gardone. La sua esistenza è in apparenza serena, il soggiorno godibile, finché una notte scopre l’amata sua “bambina” uscire furtiva dalla stanza di uno sconosciuto. Sgomento intuisce che la ragazza è in un’età in cui si appresta a spiccare il volo, in cui altri uomini possono possederla e, ciò che più lo fa disperare, è che lei possa lasciarsi andare a piaceri che trova disonorevoli. Da quel momento il suo cuore entrerà in un tumulto di emozioni conflittuali: geloso come un amante, gettato in uno stato d’inferiorità come chi sente di aver perso ormai il vigore della giovinezza; sospettoso della ragazza e della stessa moglie; odiando chi “attenta” alle sue donne, il vecchio Salomonsohn subisce una metamorfosi che cambia il suo destino.

Il breve e godibile racconto di Stefan Zweig è un’avventurosa discesa nei gironi della psiche umana, responsabile dell’indirizzo che diamo al nostro passaggio. Il libro suggerisce che conoscere per tempo i meandri oscuri del cuore è una difesa, che evita di perdere la capacità di amare, unica a preservarci vivi e felici.

Stefan Zweig

Tramonto di un cuore

Traduttore: B. Burgio Ahrens

Editore: Garzanti 

Collana: I grandi libri. Novecento

Formato: Tascabile

Pagine: 54 p., Brossura

Euro 7

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077