Giovedì, 12 Gennaio 2012 18:14

Libri. “Il grande corruttore”, esordio letterario di un PM

Scritto da

ROMA - Un magistrato, nella sua opera d’esordio, racconta l’ambigua macchinosità del Sistema, denunciandone il degrado etico e il crollo morale delle Istituzioni con lo stile avvincente del thriller.


Giuseppe Pititto, nel suo romanzo d’esordio sceglie il genere del thriller politico per coinvolgere il lettore dall’inizio alla fine. Il Grande Corruttore, edito da Fazi Editore e nelle librerie italiane dal 18 novembre, è un romanzo che affronta la complessa questione della corruzione nel nostro Paese. Con un linguaggio semplice ma efficace, l’autore ci guida con forza nell’ambiguo quanto macchinoso Sistema italiano denunciandone il degrado etico e, di conseguenza il crollo morale delle istituzioni.


Federica Oliveri, giornalista in missione nello Yemen, è sul punto di scoprire una verità sconvolgente: il ministro dell'Interno Ugo Miraglia, in corsa per l'elezione a capo dello Stato, è direttamente coinvolto in un traffico d'armi internazionale. In realtà, la giovane inviata non possiede alcuna prova, ma la macchina del potere che fa capo a Miraglia non può correre rischi. Quando Federica viene barbaramente assassinata, il procuratore capo della Repubblica di Roma si presta a far risultare l'omicidio un tragico incidente, finché l'inchiesta non finisce per puro caso nelle mani del giovane PM Davide Nucci. Mentre la corsa al Quirinale giunge alle battute decisive, Davide Nucci si ritroverà comunque sempre più debole e isolato. Intorno a lui infatti, nelle stanze della politica e della magistratura, come nelle redazioni dei giornali, tutti si schierano in silenzio, partecipando a una colossale recita in cui ogni ruolo, ogni battuta, risponde a una regia spietata.


Giuseppe Pititto è un magistrato che ha indagato su alcuni dei casi più oscuri e complessi che hanno segnato la storia recente del nostro Paese. "Il grande corruttore" non è solo un thriller politico costruito su un efficace apparato di tensione ma anche un'avvincente cronaca dall'interno del Sistema che, se da un lato ci restituisce una realtà drammaticamente riconoscibile, dall'altro ci fa incontrare, attraverso i meccanismi propri della fiction, individui pronti al sacrificio e capaci di infonderci speranza.

Pititto è stato titolare, come PM presso la Procura della Repubblica di Roma, di inchieste che hanno avuto vasta eco nazionale: dall'omicidio di Ilaria Alpi ai massacri delle Foibe, allo scandalo delle Cooperative Rosse.
Magistrato di Cassazione, presta attualmente servizio come giudice presso la Corte di Appello Penale di Roma.

Titolo: Il Grande Corruttore
Autore: Giuseppe Pititto
Editore Fazi
pagine: 320
Data Uscita: 18/11/2011
Prezzo in libreria: € 16,50

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]