Menu
Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Prev Next

“Il parroco di Tours”, il perdente secondo Balzac

“Il parroco di Tours”, il perdente secondo Balzac

Don Birotteau, grasso e pacioso vicario della cattedrale di Tours, è un uomo dai desideri semplici.

Amico dell’influente canonico Don Chapeloud ha sempre invidiato il suo comodo stare in pensione presso Mademoiselle Gamard, in un appartamento per il quale Birotteau nutriva un’autentica passione. Morto il canonico, Birotteau ha il piacere di subentrare al posto dello scomparso, appagato di quella tranquillità agognata. Nella stessa casa vive don Troubert, ambizioso, intrigante e acerrimo nemico del defunto, che era tanto abile nei rapporti di potere quanto Don Birotteau è maldestro. L’ingenuo Birotteau manderà in fumo, senza accorgersene, l’ambizione di una vita di Mademoiselle Gamard, zitella che riempie la sua solitudine con i pettegolezzi. Don Troubert, manipolando l’ira della Gamard, ne approfitterà per vendicarsi sull’indifeso Birotteau dei presunti torti subiti da Don Chapeloud. Ne nasce una guerra di provincia che sfocia in tragedia …

La genialità di un narratore si evidenzia quando, raccontando particolari di quotidiana ordinarietà, riesce a costruire un’avventura coinvolgente. Così è il piglio di Balzac che, attraverso le descrizioni meticolose e affascinanti di caratteri e luoghi che nulla hanno di eroico, costruisce un’autentica epopea. Tours è la città natale dello stesso scrittore, della quale conosceva benissimo l’abilità provinciale di rendere “lanterna” la luce irradiata da una lucciola, soprattutto in chi non deve impegnare le energie nel tirare su una famiglia. I protagonisti, due preti e una zitella, sono, infatti, tutti “single”, diremmo oggi. Scrive Honoré de Balzac: “I celibi sostituiscono i sentimenti con le abitudini. Quando a questo sistema morale, che li porta ad attraversare la vita, piuttosto che a vivere, si somma un carattere debole, le cose materiali acquistano su di loro un potere sorprendente”. L’autore, con questo piccolo affresco, dimostra come l’affettività non consumata cerchi appagamento nel potere e inquini le relazioni umane, come un’insoddisfazione si trasformi in sadismo. Dimostra come i perdenti abbiano grande responsabilità nella sconfitta per l’incapacità di “accorgersi” di quel che accade loro intorno, per l’atteggiamento rinunciatario e vigliacco.

Non pochi critici hanno letto, in questa tragedia che nasce da piccolezze e scatena passioni amorose e distruttive, una metafora del nostro inconscio, della potenza della sublimazione. Uno psicanalista direbbe “della forza del transfert nella vita quotidiana”. E’ paradossale nei fatti che in una situazione in cui nessun personaggio ha una condotta sessuale attiva, Balzac evochi con tanta frequenza l’impeto di pulsioni erotiche verso oggetti e ruoli. Un erotismo che lo scrittore travasa nella sua prosa, così acuta, così seducente, trascinatrice pur quando racconta di pericoli invisibili nell’acqua cheta.

Honoré de Balzac

Curatore: P. Pellini

Traduttore: C. Cicogni, A. Cioncolini

Editore: Sellerio Editore Palermo

Collana: La memoria

Pagine: 179 p., Brossura

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208