Martedì, 01 Luglio 2014 17:19

Sul Lungotevere la prima “Notte del documentario mediterraneo”

Scritto da

ROMA - Quattro pellicole di giovani registi italiani e stranieri, un viaggio tra Egitto, Bosnia, Spagna e Turchia, tutto in una sera. È il programma della prima edizione della Notte del documentario mediterraneo, che si terrà mercoledì 2 luglio a Roma.

L’appuntamento è dalle 19.30 all’1.00 sul Lungotevere in Augusta, per la precisione sullo storico Barcone della Società Romana Nuoto 1889. Una maratona di corti e mediometraggio organizzata dall’associazione Babelmed, in collaborazione con il Centre Mediterranéen de la Communication Audiovisuelle di Marsiglia, Caffè dei Giornalisti di Torino e l’Assemblea dei Cittadini del Mediterraneo per dare visibilità alla creatività di giovani registe e registi che hanno partecipato alle ultime edizioni del prestigioso premio internazionale PriMed, il Premio Internazionale del Documentario e del Reportage Mediterraneo.

Il primo film in programmazione è il corto "Bulaq" di Davide Morandini e Fabio Lucchini ambientato nell’omonimo quartiere del centro storico del Cairo che da trent’anni rischia di essere raso al suolo dal governo e di essere sostituito da strutture turistiche. Le rivoluzioni del 2011 hanno dato agli abitanti del quartiere nuove speranze, ma la loro lotta continua.

Seguirà "In utero Srebrenica" di Giuseppe Carreri, documentarista napoletano che presenterà il film: in piena notte, in una foresta, Munira scava a mani nude il terreno minato per ritrovare le ossa del figlio ucciso durante il genocidio di Srebrenica. Con lei, molte altri madri continuano la loro lotta per la giustizia in Bosnia-Erzegovina, un paese che ancora oggi non ha trovato la pace.

Sarà poi la volta di "A House for Bernarda Alba” della regista spagnola Lidia Peralta Garcia, vincitore del Premio CMCA 2013 Categoria Arte, Patrimonio e Cultura: otto donne gitane di El Vacie, una baraccopoli di Siviglia, sono diventate molto famose in Spagna dopo aver recitato in "La Casa di Bernarda Alba" di Federico García Lorca. Il film racconta il cambiamento (vero o apparente) delle loro vite, e il percorso che le ha portate dall’emarginazione alla popolarità.

Dopo lo scoccare della mezzanotte verrà proiettato, infine, "Mon vélo de rêve" di Serda Yalin: è la storia del piccolo Abdullah, 11 anni, che vive con i genitori e undici fratelli e sorelle ad Hasankeyf, una città storica molto turistica nell'Est della Turchia. Sogna una bicicletta tutta sua, ma sa che la sua famiglia non può è permettersela: deciso a comprarsela da sola, proverà a diventare guida turistica.

Tutti i dettagli dell’evento sono disponibili sul sito ita.babelmed.it

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077