Giovedì, 06 Novembre 2014 10:23

Patti Smith, la poetessa del rock

Scritto da

Nel 1978 usciva “Easter”, l’album della consacrazione internazionale

“Ho avuto il privilegio di crescere in un periodo di rivoluzione culturale.  E la musica ne è stata una componente. Forse non sono stata altro che una pedina,  ma sono contenta, comunque, di aver contribuito a cambiare qualcosa”

(Patti Smith)

“Con la sua voce, rabbiosa, febbrile, dolente, Patti Smith ha incarnato una delle figure femminili più dirompenti della storia del rock. I suoi primi lavori, con la mente proiettata nella avanguardie free-form e nelle improvvisazioni jazz e i piedi ben piantati in un primitivismo rock'n'roll, hanno gettato le basi per la nascente new wave. E la sua figura, a metà tra una oscura sacerdotessa e una pasionaria politica, è emersa come una delle più carismatiche del rock al femminile (e non solo)”

(Onda Rock)

Rock, impegno politico e poesia

Insieme a Lou Reed ha anticipato il fenomeno di rottura del punk, ha introdotto nel linguaggio del rock la cultura poetica seguendo la lezione di Bob Dylan e Jim Morrison. Stiamo parlando di Patti Smith, cantante, compositrice e poetessa, figura atipica e rivoluzionaria del rock e della new wave anni ’70. Il suo carisma e la sua forte personalità le hanno fatto guadagnare il soprannome di “Sacerdotessa maudit del rock”. La sua musica era caratterizza da una grande energia, da un forte impatto emotivo e da una notevole aggressività sonora. Contemporaneamente poteva stupire gli ascoltatori con ballate delicate e struggenti. Patti Smith è una delle figure più eclettiche e originali della musica statunitense degli ultimi quarant’anni. Nata a Chicago nel 1946, si trasferì a New York nel 1967. Il suo intento era quello di diventare poetessa e vivere di arte e cultura. I primi anni furono molto difficili soprattutto a livello economico. Spesso fu costretta a dormire sotto la metropolitana o sulle scale esterne degli edifici. Poi le cose cominciarono lentamente a migliorare. Lavorò prima come commessa in un negozio di libri, critica musicale e drammaturgia, poi riuscì ad entrare nel giro degli intellettuali newyorchesi come Andy Warhol, Sam Shepard, Lou Reed e Bob Dylan. Nonostante le difficoltà ha avuto sempre un rapporto intenso con New York, la città che l’accolse poverissima e che la trasformò in grande poetessa, artista e poi cantante. Ecco un suo ricordo: “New York mi affascina. Con me è sempre stata amichevole. Ho dormito nei parchi, nelle strade, e nessuno mi ha mai fatto del male. Vivere lì è come stare in una grande comunità”. Approdò al mondo della musica grazie ad alcuni personaggi importanti per la sua formazione: Tom Verlaine, Lenny Kaye e il grande John Cale, il primo produttore della cantante. Nel 1975 avviene il suo debutto discografico con “Horses” che arrivò al 47° posto in Usa nonostante non fosse affatto di facile ascolto. L’anno seguente fu la volta di “Radio Ethiopia” che andò male in patria mentre fu apprezzato in Europa. Patti Smith non era certo il tipo di artista capace di mediare con il mercato discografico. Nel corso della sua carriera ha sempre composto la musica che voleva, rifiutando ogni tipo di pressione o mediazione. Eppure con il successivo “Easter”, arrivò anche un certo riscontro di vendite.

“Easter”, il mondo si accorge della poetessa del rock

Per il suo terzo album Patti Smith si affidò alla produzione del giovane Jimmy Lovine che aveva lavorato con Bruce Springsteen, John Lennon e Tom Petty. Per la registrazione del disco si avvalse di Lenny Kaye alle chitarra, Jay Daugherty alla batteria, Ivan Kral al basso e Bruce Brody alle tastiere. In più parteciparono i session Richard Sohl e Allen Lanier alle tastiere, John Paul Fetta al basso e  Andi Ostrowe alle percussioni. Tom Verlaine curò gli arrangiamenti per il brano “We three”. Il successo dell’album è dovuto anche allo straordinario brano “Because the night” scritto insieme con Bruce Springsteen, una delle canzoni più celebri della carriera di Patti Smith. Il singolo arrivò al primo posto in Italia e Spagna, al sesto posto in Francia, all’ottavo in Belgio, al decimo in Canada e all’undicesimo negli Stati Uniti.

Gli undici brani di “Easter” furono composti dalla Smith con la collaborazione di Lenny Kaye, Tom Verlaine e Ivan Kral nel corso del 1977. A differenza dei primi due album il suono e le composizioni sono meno dure e aggressive. La cantante smussa gran parte delle asprezze rock degli esordi, con brani rock’n’roll e alcune ballate melodiche con le tipiche sonorità del rock statunitense. Grazie alla sapiente produzione di Jimmy Lovine, le canzoni scritte da Patti Smith risultano più complesse anche per la maggiore presenza delle tastiere che arricchiscono il sound complessivo dell’album. Stilisticamente il terzo disco della Smith si avvicina ai primi di dischi di Springsteen come suono mentre ricorda molto la produzione solista di John Lennon per l’impegno pacifista.

“Easter” fu pubblicato il 3 marzo del 1978 ed ebbe un buon successo di pubblico. Arrivò al 16° posto in Gran Bretagna, al decimo in Norvegia e al 20° posto negli Stati Uniti. Ormai Patti Smith era diventata una protagonista della scena rock internazionale.

Traduzione del testo di “Because the night

Prendimi adesso baby qui come sono

Stringimi forte, prova a capire

Il desiderio è forte è il fuoco che respiro

L'amore è un banchetto sul quale ci sfamiamo

 

Avanti ora prova a capire

Come mi sento quando sono nelle tue mani

Prendi la mia mano, vieni al riparo  

Loro non possono ferirti ora

Non possono ferirti ora non possono ferirti ora

Perché la notte appartiene agli amanti

Perché la notte appartiene al desiderio

Perché la notte appartiene agli amanti

Perché la notte appartiene a noi

 

Ho dubbi quando sono sola

L'amore è uno squillo, il telefono

L'amore è un angelo travestito come desiderio

Qui nel nostro letto finché mattino arriva

Avanti adesso prova a capire

Come mi sento sotto il tuo comando

Prendi la mia mano mentre il sole tramonta

Loro non possono toccarti ora

Non possono toccarti ora, non possono toccarti ora

Perché la notte appartiene agli amanti

 

Con l'amore dormiamo

Con dubbio il circolo vizioso

Gira e brucia

Senza di te non posso vivere

Perdona, questo desiderio acceso

Io credo che sia ora, troppo vero di sentire

Cosi toccami ora, toccami ora, toccami ora

Perché la notte appartiene agli amanti

 

Perché stanotte ci sono due amanti

Se crediamo nella notte, ci fidiamo

Perché stanotte ci sono due amanti..

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il ritorno dell'esule

Quelle terre così lontane al di là del mare. Quel suolo natio dove l’anima mia vola come l’ape di fiore in fiore. Lasciai macerie, una guerra dei sassi un canto selvaggio. Terra scossa inchiodata da un coperchio di...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Resilienza

Non siamo come ci vogliono gli altri  siamo noi, con le nostre storie di fatica per la vita che ci strappiamo a denti stretti

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Riflettere sull’oggi guardando a ieri. I processi decoloniali nell’opera di Jean…

In occasione del simposio “I AM HERE - on counter narratives from Europa” – organizzato a Milano da BASE in collaborazione con Arkipelago – abbiamo incontrato Jeannette Ehlers, artista danese...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. Netflix e la Croisette dei nativi digitali

Il 72mo Festival di Cannes si terrà dal 14 al 25 maggio 2019 e avrà come presidente di giuria il messicano Alejandro Gonzalez Iñarritu. Un suo conterraneo, Alfonso Cuaron, nel 2018...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Notre Dame de Paris: le reliquie salvate

Una scintilla, forse solo una stupida scintilla, si accende all’interno dei uno dei più conosciuti templi del cristianesimo, Notre Dame de Paris. Una scintilla che presto diventa una fiamma che...

Nicoletta De Matthaeis - avatar Nicoletta De Matthaeis

“Sodoma” di Frédéric Martel. Inchiesta sull’omosessualità in Vaticano. Recension…

Nessuna inchiesta ha suscitato tanto scalpore, negli ultimi anni, quanto quella condotta dal giornalista e sociologo francese Frédéric Martel, edita in Italia da Feltrinelli e che porta il titolo della...

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]