Lunedì, 20 Aprile 2015 11:14

Musica. Larry Nocella, maestro del sax

Scritto da

Scomparso 26 anni fa è stato un protagonista del jazz italiano suonando tra gli altri con Pino Daniele, Franco D’Andrea e gli Area

“Nella mia vita artistica non ricordo di aver incontrato  un talento come il suo” (Mario Rusca, pianista jazz)

Una perdita immensa

Il 10 maggio del 1989, la musica italiana perdeva un grande musicista, un artista raffinato e un uomo sensibile dal carattere non facile (celebre il suo ‘litigio’ in diretta tv con Gianni Minà). Larry Nocella, sassofonista colto se ne andò ad appena 40 anni nella città di Torino che lo aveva accolto e che gli ha dedicato un celebre locale, “Larry’s Club”, in omaggio al suo lirismo e al suo talento musicale.

Strumentista noto per aver suonato con Pino Daniele, con il leggendario batterista statunitense Kenny Clarke, Tullio De Piscopo, Vince Tempera, Franco D’Andrea, Massimo Urbani e gli Area, non fu mai popolare quanto avrebbe meritato per il suo indiscusso talento.

Nato a Battipaglia il 18 dicembre del 1949, si era poi trasferito a Napoli per studiare al prestigioso Conservatorio San Pietro a Maiella. Larry Nocella si era avvicinato al jazz giovanissimo rimanendo folgorato da Sonny Rollins, Charlie Parker, Gerry Mulligan e John Coltrane, ovvero i maestri dell’evoluzione del sassofono moderno. In tenera età aveva imparato a suonare il trombone a pistoni, il clarinetto per poi passare definitivamente a diciotto anni al sassofono tenore, il suo vero amore, la sua voce per eccellenza. Larry Nocella era in possesso come pochissimi dell’orecchio assoluto, ovvero quella sensibilità musicale che gli consentiva di suonare con estrema facilità anche le partiture più complesse e le improvvisazioni più audaci e inusuali. Il suo fraseggio al sax tenore era fluente, ricco di sfumature musicali provenienti dal suo immenso bagaglio artistico e umano.

Una carriera straordinaria

Nei primi anni ’70 Larry Nocella inizia la sua carriera professionale suonando nei night club napoletani di Bagnoli, frequentati dagli americani della base militare di stanza a Napoli. Un' altra città importante per la sua crescita artistica fu Milano, anche se il primo impatto non fu felice, tant'è vero che dopo poco tempo, approfittando di un ingaggio ottenuto con un'altra orchestra da ballo, si trasferì a Torino dove ebbe modo di suonare spesso allo Swing Club; è qui che il maestro delle percussioni Kenny Clarke, di passaggio per una serie di concerti in Italia, una sera lo ascoltò e rimase colpito dal suo sound, tanto da invitarlo a Parigi per suonare insieme a lui, invito che Larry prese al volo rimanendo nella capitale francese per circa un anno. In seguito a problemi di droga, Larry Nocella fu espulso dalla Francia e ritornò a suonare al Capolinea di Milano, stavolta però accolto in maniera diversa da quella precedente, con più favore da parte della critica, mai tenera con lui. Fu un periodo musicale intenso per la sua maturità musicale di questo vero e proprio gigante del jazz italiano. A Milano il sassofonista campano incise anche il suo primo disco (oggi quasi introvabile) dal titolo “No Secret”, il 13 ottobre 1977, per l'etichetta Harmony, un disco arrangiato e prodotto dal maestro Vince Tempera e Angel Arienti, con un gruppo di musicisti di prima classe come lo stesso Arienti alla chitarra, Vince Tempera alle tastiere, Julius Farmer al basso e Tullio De Piscopo a batteria e percussioni. Quest'ultimo fu uno dei suoi più fraterni amici, aveva una grande stima e un forte apprezzamento per il talento musicale del sassofonista di Battipaglia; gli fu vicino e lo aiutò in diverse occasioni, registrando assieme anche un bellissimo Live, nel 1980, con il pianista Riccardo Zegna e il contrabbassista Luciano Milanese.

Gli anni Ottanta furono una fase di apertura verso altre strade alternative dal jazz, come quella della collaborazione e la successiva registrazione del disco “Tic & Tac” con il gruppo Area, oppure la partecipazione a tre dischi di Pino Daniele, “Live Sciò”, “Ferry Boat” e “Bonne Soirée” (forse il suo periodo di massima notorietà), o ancora l'incisione fatta con il bluesman Andj J. Forrest, dal titolo “Harmonica Man” (Fonit Cetra, 1981), assieme alla cantante Rossana Casale.

Ecco come lo ricorda la cantante Tiziana Ghiglioni: “Ho un ricordo molto chiaro del suo splendido sound, caldo, potente e sicuro, del suo senso ritmico spiccato, del suo talento jazzistico "assoluto", una figura di grande fascino, di spessore musicale che tutti, soprattutto i giovani, dovrebbero conoscere e apprezzare”.

Discografia essenziale

1977 “No secret”

1980 Everything Happens to me”

1980 Tic & Tac (Area)

1981 Loney Woman con Tiziana Ghiglioni

1984 Sciò (Pino Daniele)

1985 Ferryboat (Pino Daniele)

1987 Bonne soirèe (Pino Daniele)

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Capitale

Una donna Piange nel frastuono della città eterna Sembra un fagotto adagiato Il volto chino sul sudicio sagrato bagnato di pioggia e lacrime Nell' indifferenza di una giornata qualunque Uomini...

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Castelli di sabbia

Castello di sabbia splendi al sole senza mura indifeso sulla bionda spiaggia.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Festival di Cannes

Cannes 71. Il 25 ottobre esce “Angel face”. Recensione

“Angel Face” ha debuttato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Un Certain Regard, dedicata alle migliori novità dei giovani autori e il 25 ottobre arriverà nelle sale italiane.

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La “bella guagliona” di Bolzano che merita “Otto e mezzo”

La Sette è riconosciuta come il terzo polo televisivo italiano nel campo generalista. Il successo che le sta arridendo non è dovuto a programmi di facile ascolto e di resa...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Speech Art

La cultura como motor económico y social. El caso latinoamericano. Entrevista a …

El año pasado en Roma, en el marco de la conferencia “Cultura e Sviluppo, una prospettiva latinoamericana” al MAXXI, organizada por el IILA, nos encontramos con Trinidad Zaldívar, Jefa de...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077