Mercoledì, 25 Maggio 2016 13:45

Il quindicenne Gaspare Li Mandri e l’accademia di danza più ambita

Scritto da

Giovane danzatore dell’Asd Ensemble di Palermo entra nell’accademia Ballettakademie Wiener Staatsoper di Vienna

PALERMO - Il sogno di una vita si realizza per un giovanissimo danzatore siciliano. Gaspare Li Mandri, quindici anni, di Marsala, è entrato a fare parte del Ballettakademie Wiener Staatsoper, ovvero una delle scuole di danza più prestigiose del mondo.

L’accademia, da agosto di quest’anno, specializzerà il ragazzo, traformandolo in un danzatore professionista nella danza classica e contemporanea. Seguito fino a oggi dai maestri Marcello Carini e Michele Pernice dell'Asd Ensemble di via Bara all’Olivella 70 di Palermo, diretto da Aldo Carini, Gaspare è stato conteso anche dal Koninklijk Conservatorium Den Haag in Olanda Holland e dal Ballet Akademie fur Music und theater Monaco di Baviera, che ne hanno notato le immense capacità tecniche ed artistiche. Alla fine, però, è stata scelta Vienna.

Il traguardo raggiunto, compensa tutti i sacrifici di Gaspare, che tutti i giorni, da quando aveva 10 anni, finita la scuola a Marsala, per amore della danza, ha preso il bus per Palermo per dedicarsi alla sua passione, tornando a casa la sera tardi e studiando sul pullman tra una trasferta e l’altra.

«Ho curato io la crescita artistica di Gaspare – dice Marcello Carini – e tra le diverse proposte abbiamo scelto Vienna, perché offre una formazione completa e permette di diplomarsi presto. Il ragazzo è anche già vincitore di borsa di studio per il corso di laurea al Codars di Rotterdam in Olanda, dove potrà ultimare la sua formazione e raggiungere in poco tempo una laurea di primo livello in danza contemporanea».

«La danza per me non è fatica – dice Gaspare – ma amore. Una passione che mi è stata trasmessa da mia madre. Poi ho conosciuto Marcello, che mi ha insegnato tutto. Per la prima volta mi trasferirò all’estero e la sensazione è di curiosità e felicità».

Il traguardo raggiunto da Gaspare è una nuova conquista per il centro coreutico palermitano, che negli ultimi quattro anni è riuscito a piazzare gli allievi Zeudi Testa al sesto corso della Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma, Erika Bologna al sesto corso della Scuola di Danza del Teatro San Carlo di Napoli, Lavinia Seminara al terzo corso all’Hamburg Ballettschule e Zaira Zuccaro a Modena al centro di perfezionamento Alex Atzewi.

«Ogni accademia ha delle sue caratteristiche – continua Marcello Carini - ed è giusto individuare per i nostri allievi il centro più adatto. La nostra associazione ha raggiunto l’obiettivo: permettere anche ai ballerini siciliani di trovare degli sbocchi professionali nelle migliori accademie nazionali ed internazionali».

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Opinioni

Spread. Sorpasso Italia – Grecia entro l’estate?

Lo spread, la differenza di rendimento tra i titoli di stato italiani e quelli attualmente di riferimento, quelli tedeschi, ha comodamente preso possesso del centro palcoscenico, luogo dove resterà nei...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Dopo un 2016 deludente, il 2017 restituisce un quadro incoraggiante per l’indust…

La ripresa si è finalmente fatta strada e l’Italia – terzo produttore europeo – cresce ad un buon ritmo (+2,6% stimato per la chiusura dell’anno).  Il miglioramento emerge su più...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077