Venerdì, 09 Settembre 2016 11:51

Venezia classici 73. Lorenza Mazzetti: “So chi ha sterminato gli Einstein”

Scritto da

“Perché sono un genio! Lorenza Mazzetti”, al Lido il documentario di Steve Della Casa e Francesco Frisari

LIDO DI VENEZIA - Lorenza Mazzetti, 89 anni, è una gentile signora, dal fisico minuto, sempre sorridente con una personalità forte che sorprende quanta energia  e determinazione le infonde. Con  una sorella gemella, Paola, abita in una casa di Trastevere tutta scale e scalette sui tetti.  Ha avuto una vita avventurosa, nella quale il dramma si è alternato all’espressione creativa. Cinema, pittura, letteratura, poesia. Ma anche gli orrori della guerra: rimaste orfane le due gemelline furono adottate piccolissime  da Robert Einstein, fratello di Albert, lo scienziato premio Nobel per la fisica  già riparato negli Stati Uniti. Con Robert, ingegnere, che chiamavano affettuosamente zio, la moglie  Cesarina Mazzetti, le cuginette Cicci e Luce,   vivevano felici in una grande casa in Toscana, Villa del Focardo, dove il 3  agosto 1944 si presentò una pattuglia di SS. Con il mitra spianato chiesero della signora Einstein Mazzetti e delle figliolette: in giardino sulla porta di casa le fucilarono senza dire una parola. Non potendo colpire lo scienziato si erano accaniti su moglie e figlie, colpevoli solo di portare quel cognome ebreo.  Lorenza,  diciassettenne, assistette da una finestra alla strage. Robert Einstein l’anno dopo si uccise dal dolore.

Su quell’orrore, Lorenza ha scritto un libro, Il cielo cade, premio Viareggio nel 1961, che ora è parte precipua del cortometraggio Perché sono un genio! Lorenza Mazzetti, di cui sono autori  Stefano Della Casa e Francesco Frisari. Prodotto da Roberto Levi e Carolina Levi per Tangram film e distribuito da Istituto Luce Cinecittà, il film è presentato alla Mostra di Venezia nella sezione Venezia Classici Documentari ad iniziativa di Roma  Lazio Film Commission, presente al Lido con  quattro titoli. Lorenza Mazzetti in sala ha ricevuto un commosso applauso. 

Ma la notizia è un’altra. Lorenza Mazzetti, che  non ha mai dimenticato,   dice: “Sono passati tanti anni ma mai abbastanza per smettere di chiedere giustizia. Non c’è rabbia, ma il male non si cancella”. E  rivela: ”Sono certa di aver riconosciuto chi ha sterminato gli Einstein, la mia famiglia. E’ il sergente della SS Johannes Robert Riis, detto anche Hans. Il 23 agosto, venti giorni dopo la strage nella villa degli  Einstein, partecipò all’assassinio di 175 civili   italiani a Padule di Fucecchio, Del massacro, tuttora senza colpevoli, pare siano stati autori uomini del 104mo reggimento Panzergrenadier  della Wermacht. E fra quelli Hans Riis, che cinque anni fa è stato condannato all’ergastolo  dal tribunale militare di Roma. Ma l’ufficiale nazista, oggi 94enne, non ha fatto un solo giorno di carcere: la Germania, infatti, non ha riconosciuto la sua condanna (”non ci sono abbastanza prove”) e non ha mai concesso l’estradizione in Italia. Oggi Lorenza Mazzetti dice: “E’ lui che ha ucciso  mia zia e le mie due cuginette, l’ho riconosciuto in una fotografia, occhi chiari sotto gli occhiali. Sono andata in Germania per denunciarlo. Non mi arrenderò mai”. E c’è da crederle.

.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. A Luca Guadagnino il Nastro d’Argento Europeo del SNGCI

  E’ stato consegnato a Luca Guadagnino ilNastro d’Argento Europeo che, per la prima volta a Cannes, ha celebrato quest’anno un compleanno speciale: i suoi primi trent’anni.  

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]