Giovedì, 16 Ottobre 2014 11:57

Musica. “Snob”, il nuovo album di Paolo Conte

Scritto da

 

Il celebre compositore piemontese annuncia una grande tourneè europea

Si nasce e si muore soli. Certo in mezzo c'è un bel traffico”

(Paolo Conte)

MILANO - A quattro di distanza dall’ultimo album in studio, Paolo Conte ha presentato “snob” la sua ultima fatica discografica. Inoltre il 25 ottore parte il nuovo tour italiano che toccherà anche alcuni paesi europei: Spagna, Francia, Germania, Olanda e Austria. Il celebre musicista e compositore di Asti, 77 anni, attivo dal 1962 come autore di fortunati successi per Adriano Celentano, Caterina Caselli, Dalida, Patty Pravo, Equipe 84, Lucio Dalla,  Bruno Lauzi, Gabriella Ferri, Mia Martini e tanti altri, ha iniziato la sua carriera solista nel 1974, incidendo quindici album più sei live.

Il nuovo disco quindici canzoni inedite promette di regalare grandi emozioni al pubblico del cantautore, che potrà tornare a seguirlo dal vivo. “E' un album che mi ha fatto compagnia - dice l'artista - e che mi ha molto divertito”.

Il pianista piemontese naturalizzato francese, ha scelto Rocchetta Tanaro, nella sua provincia di Asti, per parlare dell'album. E' l'ultimo capitolo di una carriera quarantennale iniziata quando capì, lui che viene da una famiglia di avvocati, che in un'aula si tengono jam session interpretative molto simili alle variazioni musicali in concerto jazz. Guai, però, a definire Conte provinciale. “Nelle mie canzoni c'è voglia di altrove, non sono un cantore della provincia - spiega -. Al massimo cerco di trovare degli insegnamenti nella provincia”. Come, ad esempio, che la musica classica è meglio di qualsiasi talent show. 

Il tour di Paolo Conte parte il 25 ottobre dal teatro Galleria di Legnano, per poi attraversare tutta l'Italia, da Parma a Roma passando per Milano e Genova, “città a cui avrei voluto dedicare una canzone, ma l'album era già chiuso”. 

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]