Martedì, 14 Aprile 2015 11:55

Musica: Jimi Hendrix e il rock cambiò per sempre

Scritto da

A 45 anni dalla sua morte la rivoluzionaria lezione del chitarrista di Seattle è insuperata

“Il Blues è facile da suonare, ma è difficile  da sentire dentro” (Jimi Hendrix)

MILANO - Sono passati 45 anni dalla sua improvvisa e tragica scomparsa, eppure la sua lezione, la sua innovazione e il suo impatto è ancora vivido e illuminante. Qualsiasi giovane aspirante musicista che vuole imparare a suonare la chitarra non può prescindere l’ascolto e lo studio di questo vero e proprio prodigio della musica del XX secolo. La ridefinizione stilistica, tecnica e sonora della chitarra è intimamente legata alla sua figura.

Parlare di Jimi Hendrix significa raccontare la storia del più grande innovatore della chitarra nella musica rock. Prima del suo avvento lo strumento simbolo del rock’n’roll aveva un suono semplice, senza affetti: nessuno prima di lui aveva cercato di cambiare la “voce” delle sei corde che esce dagli amplificatori. Quando il 25enne musicista di colore pubblicò il suo primo disco “Are you Experienced” nel maggio del 1967, l’impatto sul rock fu enorme, devastante e soprattutto rivoluzionario.

Nato il 27 novembre 1942 a Seattle, da un incrocio fra indiani, neri e bianchi, James Marshall Hendrix comincia a suonare la chitarra a undici anni, poco dopo la morte della madre. A 16 abbandona gli studi e comincia a sbarcare il lunario suonando con complessi di rhythm and blues e di rock'n'roll. Dopo aver svolto il servizio militare come paracadutista, a 21 anni inizia una intensa attività da session-man. Diventa il chitarrista di Little Richard, Wilson Pickett, Tina Turner, King Curtis. 

Nel 1965 al Greenwich Village forma il suo primo gruppo e firma un contratto e comincia a esibirsi con regolarità. Jimi è già padrone di una tecnica superiore, il blues scorre puro lungo le corde della sua chitarra, ma l'America rapita dal beat è tutta presa dai suoi giovani fenomeni bianchi. La fama del prodigioso chitarrista giunge però alle orecchie di Chas Chandler, ex-Animals, manager a New York in cerca di nuovi talenti. Chandler lo porta con sé a Londra, dove lo introduce nel colorato mondo del flower-power inglese, propiziando l'amicizia con Donovan. Il 1967 è l’anno del suo successo, improvviso e a livello internazionale.

Hendrix fu il primo ad usare effetti che poi sarebbero entrati nella storia del rock e nell’armamentario di ogni chitarrista: il pedale wah-wah, il distorsore e l’eco; tutti abilmente miscelati dai potenti è leggendari amplificatori Marshall. Dal punto di vista prettamente tecnico, Hendrix proseguiva e aggiornava in chiave psichedelica lo stile blues con l’uso di scale pentatoniche. Dal vivo le sue capacità improvvisative erano eccezionali, poteva cimentarsi in lunghi assoli sperimentando suoni, effetti e timbriche rivoluzionarie.

Tutti i grandi chitarristi che hanno seguito la sua lezione (Jeff Beck, Eric Clapton, Jimmy Page, Ritchie Blackmore e Alvin Lee) hanno dichiarano che senza l’avvento di Hendrix l’evoluzione della chitarra non sarebbe stata possibile.

Nei quattro anni in cui divenne famoso in tutto il mondo pubblicò altrettanti album fondamentali per il rock e per il blues.

Il suo gruppo, formato da Noel Redding al basso e Mitch Mitchell alla batteria, fu il prototipo della rock band che influenzò i “Cream” di Eric Clapton, i Led Zeppelin di Jimmy Page e i Deep Purple di Ritchie Blackmore.

La partecipazione di Jimi Hendrix ai grandi raduni come il Monterey Festival nel 1967 e Woodstock nel 1969 fecero di lui l’icona per eccellenza della chitarra. Dal vivo era semplicemente sbalorditivo: aveva un’energia incredibile, rivoluzionaria per quei tempi. E’ stato un precursore e un caposcuola nonché un innovatore delle tecniche chitarristiche. La sua prematura morte avvenuta a Londra il 18 settembre del 1970 ha privato il rock di uno dei massimi talenti di tutti i tempi.

Discografia consigliata:

1967 Are you experienced

1968 Electric ladyland

1970 Band of gypsys

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]