Mercoledì, 06 Settembre 2017 10:17

Musica: “Ok computer”, vent’anni e non li dimostra

Scritto da

Nel 1997 il gruppo britannico pubblicava l’ambizioso album, uno dei migliori del decennio 

“OK Computer” è la descrizione sonora di una società computerizzata al servizio della produzione e del profitto

“La cosa più difficile da fare per chi fa un lavoro come il nostro è essere coerente. Nella storia dei Radiohead, ogni disco rappresenta un'impresa. Per costruire e andare avanti, abbiamo ogni volta demolito tutto quello che avevamo fatto fino a quel momento. Il processo creativo è sempre stato penoso, tormentato, laborioso. Le case discografiche ormai da anni pensano solo a breve scadenza, questo ha ucciso l'industria, insieme a una totale mancanza di tolleranza e di rispetto per il lavoro e la crescita dell'artista”

(Thom Yorke)

Sono passati poco più di vent’anni (il disco uscì il 21 maggio del 1997), eppure sembra ieri. Se a distanza di due decenni ascoltiamo questo sorprendente album rimaniamo ancora stupiti, colpiti da tanta creatività dei testi, dall’originalità dei suoni, dall’eleganza degli arrangiamenti e della voce melanconica di Thom Yorke.

La band britannica dei Radiohead all’epoca aveva all’attivo due soli album (Pablo Honey e The Bends) ma già si era costruita un certo seguito come uno dei gruppi più promettenti degli anni ’90. La line-up sin dall’inizio era formata da Thom Yorke alla voce solista, chitarre e piano, Joonny Greenwood alle chitarre, tastiere, sintetizzatori, Ed O’Brien alla chitarra solista e percussioni, Colin Greenwood al basso, alle tastiere elettroniche e alle percussioni e Philip Selway alla batteria.

Con “The Bends” pubblicato nel 1995 i Radiohead raggiunsero finalmente un notevole successo di pubblico e di critica (9 dischi di platino) anche se la loro musica e il loro sound erano piuttosto in linea con le band degli anni ’90. Nulla sembrava far presagire il repentino e drastico mutamento con il successivo “Ok Computer”, l’album che avrebbe cambiato le scelte del gruppo inglese e che sarebbe rimasto ancora oggi un album importante, ambizioso, creativo: insomma un vero e proprio capolavoro.

Soprattutto il cantante e compositore Thom Yorke voleva cambiare. Raggiunto il successo era desideroso di non ripetersi e di non arrendersi alle logiche del mercato. Voleva comporre nuova musica con brani più lunghi, una sorta di concept album incentrato sulla fantascienza, sull’era di internet e dei computer e della conseguente alienazione dell’uomo, sempre più solo in un mondo invece sempre più unito e interconnesso.

La ricerca di nuove sonorità, più congeniali allo spirito del gruppo, e l’uso massiccio dei sintetizzatori analogici e polifonici, costituì il trampolino di lancio per il definitivo successo di “OK Computer”. Con l'aiuto del produttore ed ingegnere del suono Nigel Godrich, che aveva lavorato con loro per “Lucky e Talk Show Host”, i Radiohead per la prima volta si occuparono anche della produzione del loro terzo album, iniziando a comporre i nuovi brani all'inizio del 1996. Le registrazioni presero avvio nel luglio del 1996 alla Fruit Farm (un deposito di mele, situato nella campagna attorno a Didcot nell'Oxfordshire) in cui Godrich allestì il Canned Applause Mobile Studio. A questa sessione appartengono “Subterranean Homesick”, “Alien, Electioneering”, “The Tourist” e “No Surprises”.

Rispetto ai due album precedenti emerge prepotentemente l’ambizione del gruppo britannico di allargare ed espandere i propri orizzonti musicali e perfezionare ulteriormente gli arrangiamenti divenuti sempre più complessi per l’aumento degli strumenti elettronici e delle tastiere. Le composizioni assumono una struttura più articolata e di non facile ascolto. Se nella prima parte della loro carriera i Radiohead erano stati influenzati in parte dalle band del periodo new romantic come gli Ultravox, Simple Minds e Depeche Mode, con “Ok computer” le ambizioni dei cinque giovani dell’Oxfordshire giunsero a lambire la ricerca elettronica dei Tangerine Dream, dei Kraftwerk e di Brian Eno. Per la prima volta i Radiohead provarono ad oltrepassare i rigidi canoni della forma canzone e in composizioni come “Paranoid android” (ripresa anche dal pianista jazz Brad Mehldau), mettono in mostra tutto il loro talento e la loro originalità portata ancora più avanti nel successivo “Kid A”.

“Ok Computer” fu pubblicato il 21 maggio del 1997 e fu un grande successo di pubblico e di critica. Raggiunse il primo posto in Gran Bretagna, Nuova Zelanda e Belgio, il secondo posto in Canada, il terzo posto in Francia e Svezia. Le vendite complessive ammontano a quasi dieci milioni di copie in tutto il mondo.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Nell’Italia che non legge, dilaga la “ringraziamentite”.

Gli scrittori di oggi hanno copiato dai titoli di coda dei film di ieri il vezzo di ringraziare tutti quelli che hanno collaborato alla fattura del film, fino all’ultimo elettricista...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Jackson Hole: le reticenze delle banche centrali

E’ stato un incontro molto “strano” quello di fine agosto a Jackson Hole, dove si sono confrontati Janet Yellen, presidente della Federal Reserve e Mario Draghi, presidente della Banca centrale...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208