Martedì, 19 Giugno 2012 15:44

William & Kate. La francescana arte del riciclo

Scritto da

LONDRA - Angelina Jolie in questi giorni si trova a Londra mentre in Inghilterra Brad Pitt  è impegnato nelle riprese del film “Maleficent”,  il kolossal Disney in versione live-action che rivisita la fiaba della Bella addormentata.  

L’attrice organizza un party di beneficenza per l’associazione “Sports for Peace”,  in onore del pugile Muhammad Ali,   dove  figurano invitati eccellenti  come David e Victoria Beckham, Sharon Stone, Michael Duglas, Catherine Zeta-Jones.  Il traguardo da raggiungere é la partecipazione di Kate Middletown  e  William  Arthur Philip Louis, duca di Cambridge, conte di Strathearn e barone Carrickfergus. Principe che si dice educato  insieme al fratello,  per desiderio di sua madre  Diana, ad una vita  "normale". Il che significa essere  condotto da bambino a visitare il Walt Disney World Resort e  i fast food McDonald's, in opposizione ai sontuosi ricevimenti della real casa.   Essere fotografato, a rassicurazione della folla,  con video games come un “qualunque” teenager.

Il party  di Angelina e Brad si svolgerà al “Royal and Albert Museum” il 25 luglio e avrà come tema “Una notte al Museo”:  beneficenza pubblica che potrebbe tornar comodo alla coppia reale,  mentre si prepara a festeggiare il 30esimo compleanno di William il prossimo 21 giugno. Al compimento dei trent’anni William potrà attingere ai 6,5 milioni di sterline lasciatigli in eredità dalla madre Diana e  per lui inizierà una stagione nuova dal momento che la metà dei britannici lo vorrebbe sul trono al posto del padre: la beneficienza ha per i reali un ritorno d’immagine molto superiore alle piccole somme elargite e fa dimenticare i privilegi finanziati dal popolo stesso.

Valida spalla di William è sua moglie Kate, elogiata da certa  stampa perché non dimentica le sue radici borghesi,  opta per completi a buon mercato e ricicla gli abiti. Durante il suo primo anno a Buckingham Palace – fanno notare gli ammiratori -  molti sono stati i look che la principessa ha più volte proposto, cambiando solo gli accessori:  primo fra tutti il soprabito blu di Missoni sfoggiato durante una tappa del Giubileo di Diamante della Regina,  già indossato a marzo per la visita da Fortnum and Mason in compagnia della suocera Camilla.  

L’abito rosa di Emilia Wickstead con cui  si è presentata al garden party di Buckingham Palace,  sfoggiato appena due settimane prima.

L’abito bianco di Reiss indossato nel servizio fotografico ufficiale realizzato da Mario Testino in occasione del fidanzamento con William,   riproposto alle celebrazioni per il Canada Day durante la  visita  in Quebec. 

L’abito verde smeraldo di DF Maya  vestito  al consolato inglese di Los Angeles e pure al matrimonio di Zara Philips. 

Persino il giorno prima delle nozze con William,  Kate ha messo scarpe di LK Bennet,  riproposte   dopo il royal wedding  insieme a un abitino di Issa,  anche quello poi riciclato a Ottawa.

La duchessa di Cambrige sarebbe insomma un’anima francescana, tanto che   un  prestigioso quotidiano italiano,  mostrandola  in video sempre con le stesse scarpe, ha  lanciato la brillante idea di comprargliele nuove facendo una colletta!

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]