Sabato, 30 Gennaio 2016 18:15

Moda. Un inno alla natura la nuova collezione di Raffaella Curiel

Scritto da

ROMA - Un invito a occuparcene di più. “Ogni qualvolta incontro il chiosco di un fioraio – racconta Lella Curiel  – o appoggio lo sguardo su un’aiuola, rapisco  l’angolo di un terrazzo rigoglioso, o vengo abbracciata dal verde di un campo, sono felice".

Nel suo "giardino incantano" sfilano 45 capolavori che sono un inno a fiori, giardini, piante, petali. Lavorazioni splendide, altamente sartoriali, abiti che scivolano morbidi sui fianchi delle modelle. La celebre stilista milanese ha trasformato le corolle e le forme dei fiori per creare gonne pantaloni, corpetti. Le giacca dei tailleurs hanno gonne a tulipano, a corolle, a calla. Spuntano foglie,steli e papaveri rossi sui pantaloni in raso verde. Ha rubato giardini per i ricami, disegnato roseti, clematis e ortensie per i leggiadri abiti di chiffon, stampato, applicato nontiscordardime e papaveri: tutto per un inno alla vita che è il suo giardino reale e soprattutto quello del cuore.

Gli abiti per il giorno e per il cocktail hanno gonne a campana anni '50 . L'abito da sposa agreste ha il corpetto a canestro di paglia e la gonna lunga ricamata con fiori di campo.I colori predominanti: giallo, bluette, ortensia fiordalisio, clematis.

Molto belle e originali le scarpe con tacchi fiorati di Gigliola Curiel.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077