Giovedì, 20 Ottobre 2011 12:38

Belen Rodriguez. Venduto per strada il video hard

Scritto da

ROMA - Secondo il  Corriere della Sera si è sviluppato un vero e proprio businnes  intorno al video hard di  Belen Rodriguez  -  che avrebbe per soggetto un rapporto sessuale tra la show girl argentina e l’ex fidanzato Tobias Blanco -  finito in Rete due settimane fa.

A Napoli, nella zona del molo Beverello, alcuni ragazzi si sarebbero attrezzati per masterizzare il filmino «proibito» e smerciarlo in dvd con un prezzo che va dai 15 ai 20 euro. A Milano, invece, il luogo deputato è la stazione, dove il costo  del filmato  varia: di dieci euro. Secondo il quotidiano milanese il DVD avrebbe un “sottotitolo irriferibile“.

Ancora non ci sono state prese di posizione da parte della showgirl. L’unico a parlare è stato il suo fidanzato: Fabrizio Corona, che ha dichiarato,  quello messo in atto,  un crimine perpetrato ai danni di una ragazza allora minorenne. Quando vuole anche Corona  usa la parola “crimine”

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]