Venerdì, 30 Dicembre 2011 12:55

William e Kate. “Just wed” da sindrome Gieffe: buon anno in versi

Scritto da

LONDRA -  Il matrimonio di William e Kate è stato uno degli eventi più seguiti di tutto il 2011. Dai tempi dei tempi le nozze dei reali sono da favola. Si sono rincorse per tutto l’anno notizie, smentite e conferme, delle loro faccenducole quotidiane, soprattutto quelle della moglie: duchessa pasticcera, casalinga, assassina, incinta, smagrita, malandrina, assai carina. Oggi diventata animalista.  



Infatti  la duchessa di Cambridge, Kate Middleton, è stata lodata dagli attivisti per i diritti degli animali, per aver scelto di non prendere parte all'annuale caccia al fagiano della famiglia reale, che ha luogo abitualmente il giorno dopo Natale. Come tradizione, i reali si sono ritrovati nella tenuta inglese di Sandringham in Norfolk per la consueta caccia, ma lei ha preferito non partecipare, attirando così il favore della Lega contro gli sport crudeli. Peccato che  la caccia sia stata, come d'abitudine, organizzata dal marito della regina il principe Filippo, prima di essere ricoverato in ospedale per un intervento al cuore durante le festività natalizie. Ma si sa, la tradizione è dura a morire e noblesse oblige!

Ora si dice che Kate Middleton e il principe William passeranno il Capodanno a Birkhall, la proprieta' scozzese di 21mila ettari del principe Carlo d'Inghilterra. Lo ha rivelato una fonte vicina alla famiglia reale al giornale statunitense 'Us Weekly', aggiungendo che la coppia celebrera' il Capodanno in compagnia di Carlo e Camilla. Alla festa per l'anno nuovo sono invitati anche i genitori di Kate, Michael e Carole Middleton, anche se probabilmente "staranno al Teapot Cottage o in un'altra proprieta' della tenuta".

Il clima che ha ammantato la coppia reale per tutto il 2011 è, come scrive la poetessa Giulia Bolognini, da sindrome del grande fratello. La fotografia  che immortala tutta la loro formalità impacciata davanti agli occhi del mondo guardone,  é questa sua poesia:



JUST   WED   DA SINDROME  GIEFFE


Che le avrà mai detto? “Ho sei bellissima”./
“You look beautiful”. L’esperta  labiale/
è sicura. All’altare ci puoi giurare/
William , il principe di cuori, in divisa/


d’Irlanda ha detto così, proprio prima/
del ‘si reale’, a Kate in corteggio/ensemble/
di damigelle con Pippa dal sexy/
B  side. Poi dopo il Westminster il dubbio:/


“Cosa facciamo adesso?”. “Ci baciamo”./
“Ancora?”. “Si, ancora”…/
davanti al consesso d’Inghilterra,/
sul terrazzo di Buckingam Palace,/
ammesso e concesso./



di Giulia  Bolognini  dal libro   “Sic transit annus”, cronache in versi

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]